Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Verso il lockdown del turismo della neve, previste perdite almeno del 70%

Madonna di Campiglio - La decisione di chiusura degli impianti sciistici che con ogni probabilità verrà presa nel prossimo Dpcm del Governo almeno fino all'Epifania rischia di far perdere al turismo montano invernale il 70,2% del fatturato che nelle ultime stagioni era arrivato a superare i 10 miliardi di euro. Emerge da una ricerca che l'ANSA pubblica in anteprima fatta da Jfc, che ogni anno pubblica l'Osservatorio Skipass Panorama Turismo.


"Le stime aggiornate a fine novembre - spiega il responsabile di Jfc Massimo Feruzzi - segnano dati in assoluto campo negativo con un bilancio previsionale di fine stagione stimato, purtroppo, in soli 3 miliardi 100 milioni rispetto ai 10 miliardi 409 milioni della stagione invernale 2018/2019 (ultima non "investita" dalla pandemia)".

Il turismo montano invernale incide per una quota di circa l'11% sul totale del pil turistico nazionale, rappresentando quindi una cifra di poco superiore all'1% del complessivo pil italiano.


LOCKDOWN, BILANCIO SOCIO-ECONOMICO DEVASTANTE
Chi pagherà queste perdite miliardarie? Chi risarcirà intere zone montane per le decisioni assunte? Nonostante la catastrofe socio-economica generata dagli ultimi mesi di limitazioni per larga parte inefficaci, contraddittorie e controproducenti, l'Esecutivo non sembra voler cambiare idea per la furia di cittadini e interi territori che dopo mesi di "assuefazione" alle decisioni di Governo e Regioni, ora vedono un futuro ancora più a rischio per la tenuta socio-economica: a Natale l'idea è quella delle limitazioni agli spostamenti "non necessari", con una misura ad hoc per la chiusura degli impianti sciistici.


Medici ed esperti di Cts e Iss sostengono la decisione, si cerca la quadra a livello europeo ma l'apertura della Svizzera (Paese extra-UE che tra l'altro non mette finora nella sua 'black-list' le regioni del Nord Italia, favorendo di fatto il suo mercato turistico di importazione, allo stato attuale bloccato perché in zona rossa o arancione) e la posizione al momento attendista di Austria e Slovenia rischiano di rovinare i piani al premier Conte: nel caso di un mancato piano europeo di chiusura natalizia e di un'apertura dei confini regionali, come contromisura - per evitare la gita Oltralpe degli appassionati di sci - si pensa a quarantena e tampone per chi rientra dall'estero.

Ultimo aggiornamento: 28/11/2020 14:43:39
POTREBBE INTERESSARTI
Rogno (Bergamo) - Arrestati due spacciatori. I carabinieri di Costa Volpino hanno arrestato un venezuelano di 37 anni, e...
Grande partecipazione all'incontro sul tema "Silter Dop: un formaggio prodotto nelle malghe di due parchi”
Non ci sono le condizioni di sicurezza per percorrere lo spettacolare itinerario
Sono 43 i richiesti a Corteno Golgi e 29 a Cedegolo
E' in programma venerdì 26 luglio, prenotazioni entro mercoledì
ULTIME NOTIZIE
Bergamo - I tre bresciani arrestati per rapina e lesioni nei confronti di Danilo Calissi, 67 anni, imprenditore di...