Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Caldo e il ritorno dei temporali: le previsioni meteo verso il weekend

Diramata allerta in Trentino

Brescia - Andrea Garbinato, responsabile redazione del sito www.iLMeteo.it, conferma che, negli ultimi 30 anni, l’Anticiclone Africano si è palesato molto più spesso sul nostro territorio.

Fino agli anni ‘90 era molto più comune osservare la presenza dell’Anticiclone delle Azzorre con condizioni climatiche miti e tranquille; in seguito tutto è cambiato, anche a causa del Riscaldamento Globale.

In sintesi, con la maggiore espansione della bolla d’aria calda sahariana verso Nord, ecco che tutta l’Italia si è trovata di fronte ad un nuovo clima, il clima del XXI secolo: frequenti fiammate nordafricane, anche con sabbia del deserto, alternate a violenti temporali.

Nelle prossime ore assisteremo al primo apice della fiammata africana con massime fino a 42°C in Sardegna, 40-41°C anche in Sicilia, Calabria e Puglia e locali 39°C al Centro. Al Nord sono previsti fino a 37-38°C specie tra Emilia Romagna e Veneto. Tra venerdì e sabato entreranno in scena, invece, i temporali violenti.

La causa di questa alternanza è il ‘respiro’ nordafricano, che dapprima spinge l’alta pressione verso il cuore dell’Europa Centrale e poi la fa sgonfiare verso il nostro Centro-Sud: in questo modo il Nord Italia resta scoperto, favorendo il passaggio di aria instabile atlantica.

Questo flusso atlantico, trovando aria calda e soprattutto molto umida preesistente, scatena violenti temporali specie sulle Alpi e in locale sconfinamento verso la Pianura Padana.

Tra venerdì e sabato mattina sarà proprio questa la situazione: sono previsti violenti temporali al Nord con un passaggio potenzialmente pericoloso da Ovest verso Est.

Monitoreremo bene la situazione e definiremo la traiettoria di questi temporali: al momento si prevede una prima fase instabile al mattino di venerdì 12 sull’estremo Nord-Ovest; dal pomeriggio, poi, i rovesci interesseranno anche parte del Nord-Est con la fase clou del maltempo attesa tra la sera del venerdì e la mattina del sabato, specie a nord del fiume Po.

Sul resto della nostra bella Italia l’anticiclone africano sarà ancora prepotente e pochi si accorgeranno del maltempo del Nord, se non per un leggero calo termico e una maggiore ventilazione da Ovest.

Da sabato pomeriggio, però, il respiro africano tornerà purtroppo prepotente, anzi prepotensissimo: ci attendono 37-38°C ad oltranza anche a Roma, per almeno 10 giorni, un’ondata di calore che, se confermata, potrebbe essere una delle più lunghe degli ultimi anni. Prepariamoci all’Anticiclone Africano e ai temporali forti, il nuovo clima estivo del XXI secolo.

NEL DETTAGLIO

Giovedì 11. Al Nord: sole e caldo molto afoso. Al Centro: sole e molto caldo. Al Sud: sole e molto caldo.
Venerdì 12. Al Nord: temporali violenti su Alpi, Prealpi e localmente anche in pianura. Al Centro: sole e molto caldo. Al Sud: sole e molto caldo.
Sabato 13. Al Nord: qualche piovasco residuo, poi tutto sole. Al Centro: sole e molto caldo.
Al Sud: sole e molto caldo.
Tendenza: Anticiclone Africano ad oltranza, probabile fino a fine mese al Centro-Sud.

ALLERTA IN TRENTINO
Maltempo, emesso un avviso di allerta ordinaria (gialla) Maltempo: la Protezione civile ha emesso un avviso di allerta ordinaria (gialla), per temporali e possibili problemi idrogeologici, dalle ore 10:00 di domani, venerdì 12 luglio, alle ore 12:00 di sabato 13 luglio 2024, su tutto il territorio provinciale. Le previsioni di Meteotrentino Al pomeriggio sera di oggi, giovedì 11 luglio 2024, le prime infiltrazioni di aria instabile in quota potrebbero favorire lo sviluppo di isolati temporali soprattutto in montagna. Domani, venerdì 12 luglio 2024, i flussi in quota tenderanno ad intensificare da sud-ovest apportando aria più umida e instabile. Le precipitazioni più abbondanti interesseranno maggiormente le Alpi occidentali e settentrionali mentre sul Trentino e le Alpi sudorientali la previsione è più incerta. Tuttavia, già nel corso della mattinata di domani, venerdì 12 luglio 2024, ma soprattutto dalle ore centrali e fino a tarda sera potranno svilupparsi rovesci e temporali intensi in moto verso est nord-est. In caso di sviluppo i temporali potranno localmente essere accompagnati da grandine di medie o grandi dimensioni, forti raffiche di vento, frequenti fulminazioni e precipitazioni abbondanti in poco tempo.

Possibili effetti
Si ritengono possibili, a partire da metà mattina di domani, venerdì 12 luglio 2024, criticità dovute principalmente a: - erosioni e smottamenti nel reticolo idrografico, ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale, allagamenti, esondazioni, frane e colate rapide; - forti raffiche di vento, grandine, fulminazioni e precipitazioni abbondanti in poco tempo. Tali criticità possono inoltre causare disagi ed effetti (anche interruzioni) sulla viabilità e sulla circolazione ferroviaria, nonché sulle reti, anche aeree, di comunicazione e di distribuzione di servizi.

Si invita la popolazione a: - porre massima attenzione alle condizioni dei luoghi da percorrere, anche con automezzi e veicoli ed in caso di necessità cercare adeguato riparo; - evitare di immettersi in aree o luoghi che possano presentare condizioni anomale o di pericolo; - evitare di avvicinarsi ai corsi d’acqua, alle piste ciclabili prossime ai corsi d’acqua, a zone depresse (ad esempio: conche e sottopassi), alle rampe e ai versanti che potrebbero subire smottamenti; - evitare di sostare sotto alberi, impalcature, cartellonistica, segnaletica, pali e presso edifici o strutture provvisorie con coperture o installazioni instabili; - evitare i luoghi dove è possibile anche l’innesco di incendi a causa della caduta di fulmini. Si ricorda inoltre di comunicare tempestivamente al numero unico 112 eventuali situazioni di emergenza (per chiunque si trovi sul territorio dei cinque Comuni del Primiero contattare il numero verde di emergenza 800 112000). Informazioni sulle norme di autoprotezione sono disponibili sul sito web: https://rischi.protezionecivile.gov.it/it/meteo-idro/sei-preparato
Ultimo aggiornamento: 11/07/2024 14:08:47
POTREBBE INTERESSARTI
A metà novembre gli avversari saranno i romeni dell'Arcada Galati
La Procura attende le memorie difensive degli indagati
ULTIME NOTIZIE
Brescia - Bio4Dreams stringe una nuova collaborazione strategica con Simbiosi, pioniere nell'applicazione delle...