Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Zona gialla con meno del 95% di terapie intensive vuote: l’ipotesi allo studio del Governo

lunedì, 19 luglio 2021

Roma – Si vanno a delineare i nuovi parametri che faranno scattare l’eventuale ritorno in zona gialla, arancione o rossa delle Regioni italiane. Non solo i numeri dei nuovi casi per la classificazione, ma le percentuali sulle ospedalizzazioni come nuovi criteri: le opzioni poste come soglia però già non convincono tutti. La risalita dei contagi ha fatto tornare alla carica da giorni allarmisti e rigoristi che invocano una stretta sulle misure anti-Covid e il Green Pass.

Tra martedì e mercoledì si riunirà la Cabina di Regia per il nuovo decreto che potrebbe rovinare definitivamente le vacanze di agosto di milioni di italiani. Stando all’indiscrezione ANSA, l’ipotesi è quella secondo cui si andrà in zona gialla se l’occupazione delle terapie intensive è superiore al 5% dei posti letto a disposizione e se quella dei reparti ordinari supera il 10%. Avere dunque gli ospedali semivuoti rispetto alla propria capacità potrebbe non bastare per salvare il Ferragosto, in particolare per quei territori di dimensioni modeste e con forte vocazione turistica.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136