Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Trentino, il punto dell'assemblea dei delegati di Cgil Cisl Uil

Trento - 500 delegati di Cgil Cisl Uil discutono delle sfide che attendono la provincia per uscire dalla crisi in Trentino: "Servono strategie oltre l’emergenza per ripartire e fare crescere economia e occupazione". Foto @Monica Condini "MoniQue Foto".


monica condiniLavoratori e lavoratrici del comparto pubblico e privato, pensionati e pensionate hanno partecipato questa mattina all’assemblea dei delegati e delle delegate organizzata da Cgil Cisl Uil per discutere e condividere insieme le sfide che attendono il Trentino "dopo il drammatico cambiamento imposto dall’emergenza sanitaria.


Ed è proprio dalla consapevolezza che l’emergenza sanitaria non è conclusa che è partita la riflessione dei sindacati. Il contrasto al Covid 19 resta la principale scommessa da vincere e che impone uno sforzo massimo, anche in termini di risorse, per potenziare e innovare la sanità provinciale. Sarebbe sbagliato, però, fermarsi alla sola gestione dell’emergenza.

Il coronavirus ha impattato fortemente anche sull’economia e sul lavoro come hanno dimostrato le analisi proposte da Alessandra Proto, direttrice del centro Ocse di Trento e da Antonio Accetturo economista della Banca d’Italia.


In questo scenario, secondo, i sindacati serve un progetto condiviso per affrontare i nodi della crescita, della sostenibilità e del lavoro. Tre le sfide che la comunità ha di fronte e che la pandemia ha messo ancora più in evidenza: il problema demografico e l’invecchiamento della popolazione, le trasformazioni tecnologiche e l’impatto su produzione e lavoro, e la sostenibilità ambientale con la necessità di intervenire su un territorio prezioso ma fragile qual è quello trentino.


Per vincere queste sfide i delegati e le delegate di Cgil Cisl Uil propongono alle forze sociali, economiche, culturali e alle istituzioni un patto per lo sviluppo del Trentino, individuando delle linee di azione condivise, che uniscano e non dividano, che propongano soluzioni di ampio respiro no risposte che accontentino solo gli interessi particolari.


L’assemblea si è conclusa, dunque, con l’approvazione di un documento di proposte. Si tratta di un testo aperto su cui il sindacato trentino intende aprire già dai prossimi giorni un confronto ampio con tutti i soggetti rappresentativi della comunità, dal mondo della conoscenza e della ricerca a quello economico, dal terzo settore alle istituzioni. Sullo sfondo la consapevolezza che fino a questo momento scarsa è stata l’attenzione della Giunta provinciale. Serve un cambio di passo".

Ultimo aggiornamento: 08/10/2020 16:01:21
POTREBBE INTERESSARTI
Lo stadio di Carciato ospita il confronto con l’Anaune Val di Non
Nella sede del Coni la cerimonia: l'elenco dei "rappresentanti" della provincia a Parigi 2024
Mondiali della Vela Giovanile sul Garda per 418 velisti da 70 nazioni
Doppia seduta di allenamento domani sul campo di Carciato a Dimaro Folgarida
Trasportata d'urgenza all'ospedale Santa Chiara di Trento
ULTIME NOTIZIE
Risultati e classifiche della manifestazione "alla ceca"