Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Coronavirus, 56 morti e 441 nuovi casi in Lombardia: malati in terapie intensive sotto quota 200

sabato, 23 maggio 2020

Brescia – 56 morti e 441 nuovi casi in Lombardia: nessun incremento di vittime tra Valtellina, Valle Camonica e Valchiavenna. Sul territorio camuno sei casi (tutti nelle Rsa) a fronte di 26 guariti contro i dieci di Sondrio e provincia.

GALLERA: RIALZO DOVUTO A RISULTATI NELLE RSA
I dati di oggi segnano un leggero incremento della percentuale tra i tamponi effettuati e i casi risultati positivi, ma indicano anche il raggiungimento di un traguardo davvero importante: siamo scesi sotto la simbolica cifra delle 200 terapie intensive. Il numero dei ricoveri in questi reparti è infatti di 199 casi. ospedale bresciaAumentano anche i guariti, numeri da valutare sempre nel medio periodo con la raccomandazione di continuare a rispettare le regole per non vanificare l’eccezionale comportamento mantenuto fin qui“. Lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, commentando i dati odierni.

Segnalo anche – ha aggiunto Gallera - che fra i nuovi positivi registrati oggi, contiamo 108 tamponi riguardanti operatori sanitari e ospiti delle Rsa, un numero piu’ alto rispetto alla stessa casistica degli ultimi giorni. La diffusione del contagio fra la popolazione rimane quindi stabile“.

Poi la risposta alle accuse che vorrebbero anche commissariare la Lombardia: “Il nostro sistema sanitario è da sempre il più apprezzato a livello nazionale e giudicato come modello anche su scala internazionale, come testimoniano le migliaia di persone che ogni anni chiedono e ottengono di venirsi a curare in Lombardia. Il sistema è quello che, ancor oggi, in questa emergenza mette per esempio a disposizione di chi ha bisogno sacche di sangue in diverse zone d’Italia. Questo è stato e continuerà a essere il nostro modo di fare. E non saranno certo manifestazioni di piazza a far mutare il nostro comportamento verso chi ha bisogno. Il commissariamento? Al di là che non e’ previsto dalla legge per le motivazioni che qualcuno richiede sono certo che la stragrande maggioranza dei lombardi non lo vorrebbero e che certi modi di fare politica fanno solo male alla collettivita’. Tutto questo al netto delle minacce e delle scritte vergognose apparse sui muri negli ultimi giorni“.

I DATI
Di seguito i dati di oggi sul contagio da coronavirus in Regione Lombardia e il dettaglio nei territori:

- i tamponi effettuati: 658.784 (+17.191)
ieri: 641.593 (+19.028)

- attualmente positivi: 25.630 (-303)
ieri: 25.933 (-782)

- totale complessivo dei positivi riscontrati in Lombardia dall’inizio della pandemia a oggi: 86.825 (+441)

- i nuovi casi positivi: 441 (2,6% rapporto con i tamponi giornalieri)
ieri: 293

- i guariti/dimessi: 45.355 (+688)
ieri: 44.667 (+1.018)

- in terapia intensiva: 199 (-8)
ieri: 207 (-19)

- i ricoverati non in terapia intensiva: 4.026 (-2)
ieri: 4.028 (-91)

- i decessi: 15.840 (+56)
ieri: 15.784 (+57)

I casi per provincia con la differenza rispetto a ieri

MI: 22.616 (+88) di cui 9.565 (+40) a Milano citta’

BG: 12.834 (+102)

BS: 14.417 (+72)

CO: 3.747 (+34)

CR: 6.383 (+9)

LC: 2.717 (+11)

LO: 3.400 (+8)

MN: 3.314 (+4)

MB: 5.421 (+12)

PV: 5.184 (+33)

SO: 1.414 (+7)

VA: 3.490 (+44)

e 1.888 in corso di verifica.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136