Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Contagi Covid-19 in calo in Trentino, accordo col Veneto per spostamenti nei Comuni confinanti

lunedì, 11 maggio 2020

Trento – Nuove aperture in Trentino, con possibilità di sconfinare in Veneto. L’annuncio è stato dato dal Governatore trentino che ha sottoscritto una lettera con il presidente della Regione Veneto: “Si potranno quindi raggiungere i paesi vicini dai Paesi confinanti con le limitazioni in atto su tutto il territorio, quindi anche per fare l’orto oltre che trovare parenti“, ha detto il presidente Maurizio Fugatti. Al momento non c’è l’accordo con Regione Lombardia, quindi non c’è la possibilità di sconfinare dal Passo Tonale (Ponte di Legno-Vermiglio), da Limone a Riva del Garda e dalla Valle del Chiese.

In serata ci sarà un incontro con i Ministri e il Trentino proporrà – in base alla legge approvata ieri – nuove riaperture. “Attendiamo le valutazioni del Governo – ha affermato il presidente Maurizio Fugatti -, quindi prenderemo delle decisioni, senza fare delle forzature“. Il Governatore ha prospettato aperture di attività non prima però di giovedì-venerdì, mentre sull’attività delle scuole guida la Provincia sta lavorando alla riapertura.

Fugatti 1Intanto in Trentino si contano 23 nuovi contagi, di cui solo due secondo la “nuova classificazione” che tiene conto del fatto di aver contratto il virus nell’ultima settimana e non solo la positività del tampone, mentre sono due i decessi registrati nelle ultime 24 ore. I tamponi effettuati nella giornata odierna sono stati 1193, negli ultimi tre giorni sono 5522 (3333 da parte di Apss e 1739 da parte del Cibio). La persone in Terapia Intensiva sono 11, mentre 97 i ricoverati. Il totale delle persone contagiate in Trentino sale a quota 5134, di queste 3122 sono guarite, 172 clinicamente, con doppio tampone e 446 decedute. Le persone in cura a casa sono 837, mentre 11 sono in terapia intensiva. Questi dati sono stati illustrati nell’incontro sull’emergenza coronavirus dal presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti (nella foto), dal direttore generale di Apss Trento, Paolo Bordon, a moderare il responsabile dell’ufficio stampa della Provincia, Giampaolo Pedrotti.

Paolo-Bordon 10Sui test sierologici è intervenuto il dottor Paolo Bordon (nella foto) che ha affermato: “Entro questa settimana si concluderanno i test e poi si avranno delle risposte, mentre chi ha sintomi da Covid-19 è sottoposto a tampone e il responso si avrà in 24-48 ore“. Inoltre il dottor Paolo Bordon è intervenuto sull’apertura della struttura di Ala (Trento) evidenziando che oggi ci sono stati i primi 5 ricoveri e 6 sono in programma domani, mentre l’attività ospedaliera sta tornando alla normalità.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136