Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad
 
Ad


Anziana muore in ospedale, i vicini le rubano 14mila euro in appartamento: denunciati. Guardia giurata rischia il lavoro

sabato, 5 dicembre 2020

Trento – Anziana muore di Covid ma durante la permanenza in ospedale le rubano 14mila euro: denunciati dalla Polizia di Stato i vicini di casa e restituito il denaro agli eredi.

I FATTI
Uomo ed una donna, fratello e sorella, rispettivamente di 42 e 44 anni, residenti a Trento, si sono presentati presso l’ufficio denunce della Questura, raccontando di un furto avvenuto nell’abitazione della madre, ricoverata presso l’ospedale Santa Chiara con Covid-19 e successivamente deceduta per delle complicazioni polmonari.

I due si sono resi conto del furto, perché quando la madre è stata ricoverata avevano installato una telecamera all’interno dell’appartamento, lasciato incustodito dall’anziana donna, una 74enne nata a Trento.

Con enorme stupore l’uomo e la donna, visionando le immagini dell’apparato di video sorveglianza, hanno scoperto che il furto era stata perpetrato dalla vicina e dal compagno di quest’ultima, una guardia giurata. A quest’ultimi, l’anziana donna deceduta aveva lasciato le chiavi della propria abitazione, ritenendo che fossero due persone affidabili.

La Squadra Mobile, a cui sono state affidate le attività investigative, ha richiesto, ed ottenuto, immediatamente dalla Procura della Repubblica di Trento, un decreto di perquisizione dell’abitazione dei due ladri nonché di altri luoghi che fossero ritenuti sospetti. All’interno della casa dell’uomo e della donna, non è stato trovato alcunché. Ma gli agenti della Questura di Trento, hanno scoperto che la guardia giurata avesse anche la disponibilità di un locale interrato nei pressi di Via Mazzini. Proprio nella cantina, è stata ritrovata la somma sottratta, circa 14mila euro, restituì ai figli della vittima deceduta a causa del coronavirus.

I due ladri sono stati denunciati ed alla guardia giurata è stata ritirata l’arma nonché il porto d’arma. Toccherà ora al Questore di Trento decidere se revocare del tutto il titolo che consente di poter girare armato all’uomo nonché di esercitare la professione di vigilantes.




© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136