Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Sondalo, da luglio riapre il Punto nascita dell’ospedale Morelli

venerdì, 12 giugno 2020

Sondalo – A partire dal prossimo mese di luglio sarà riaperto il Punto nascita dell’Ospedale Morelli di Sondalo le cui attività erano state sospese, a partire dalla metà di marzo, a causa dell’emergenza coronavirus, nell’ambito della necessaria riorganizzazione a tutela della salute dei pazienti, nel caso specifico mamme e neonati, seppure garantendo l’apertura di sala parto e sale operatorie per le urgenze, come si è verificato in un caso soltanto per la nascita di un bambino. Un ritorno alla normalità e alla situazione preesistente da tutti auspicato, come sottolinea la dottoressa Lorella Rossi, direttore del Dipartimento materno infantile dell’Asst: “La nostra volontà è sempre stata quella di riportare le cose com’erano prima e in queste settimane abbiamo lavorato alla riorganizzazione dei servizi: alla graduale ripresa dell’attività degli ambulatori si unisce la riapertura del Punto nascita di Sondalo con i primi bambini che nasceranno a luglio“.

sondaloCon la sospensione del Punto nascita di Sondalo era stato potenziato quello di Sondrio, con il trasferimento temporaneo delle ostetriche del Morelli e la riorganizzazione delle sale parto, oltre all’accordo con Areu per il trasporto delle donne in gravidanza dell’Alta Valle. A Sondrio, durante l’emergenza sanitaria, sono nati molti bambini da mamme residenti in Alta Valle ma anche nel Morbegnese e in Valchiavenna, come l’aumento dei parti, 277 al 31 maggio contro i 206 nei primi cinque mesi del 2019, evidenzia. “Nella delicata fase covid-19 – spiega Ciro Sportelli, direttore dell’Unità operativa complessa di Ostetricia e Ginecologia – abbiamo mantenuto un solo Punto nascita per offrire la più qualificata assistenza a mamme e bambini in completa sicurezza, con speciali percorsi di presa in carico delle partorienti che al loro arrivo al Pronto soccorso sono sottoposte a tampone. Se negative vengono ricoverate in reparto, in caso contrario vengono trasferite all’ospedale di Monza, uno dei centri di riferimento regionale. A Sondrio siamo riusciti a far fronte al lavoro aggiuntivo senza particolari problemi ma ora è tempo che si ritorni alla normalità con due Punti nascita attivi in Valtellina“.

A Sondalo, nel primo piano seminterrato del quarto padiglione, dal 1° luglio verrà ripristinata l’attività esistente prima dell’emergenza sanitaria, sia per quanto riguarda i servizi e gli spazi che il personale. Nel frattempo è già stata ripristinata la chirurgia ostetrica e ginecologica e sono riprese le attività ambulatoriali rivolte a mamme in attesa e neonati, nel pieno rispetto delle prescrizioni sulla sicurezza. “Da lunedì – spiega Carla Foppoli, coordinatore della Struttura di ostetricia e ginecologia - le donne giunte alla 37esima settimana di gravidanza saranno di nuovo prese in carico a Sondalo per pianificare il parto. Le aspettiamo per seguirle nel periodo conclusivo della gestazione fino alla nascita del bambino, nel mese di luglio, mettendo a disposizione tutti i servizi da sempre garantiti nel nostro ospedale e con tutto il personale formato da medici, ostetriche, puericultrici e infermieri guidato dalla dottoressa Rosa Maria Di Lauro“.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136