Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Pubblico negli stadi, la “sparata” di Spadafora fa infuriare la Serie A: “Regna il caos”

venerdì, 18 settembre 2020

Milano – Contraddizioni e scelte non basate su una logica di fondo ma troppo spesso a seguire il corso degli eventi continuano a susseguirsi in questa gestione della fase-Covid da parte delle istituzioni senza che si veda una luce in fondo al tunnel. Nel Dpcm emanato la scorsa settimana di fatto si vieta la presenza di pubblico negli stadi, dimenticandosi però che già qualche giorno prima i palazzetti di buona parte dell’Italia erano già occupati dai tifosi di squadre di basket e volley. Oggi l’ennesima retromarcia annunciata da uno degli esponenti del Governo.

Infatti a sorpresa – forse per assecondare un malumore crescente negli appassionati di sport, in concomitanza con gli eventi nella penisola legati a Formula 1, Motogp e soprattutto gli Internazionali di Tennis a Roma – il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, dopo mesi di provvedimenti, annunci e azioni che di fatto hanno rallentato e messo in ginocchio ulteriormente il calcio italiano – analogamente a quanto accaduto per tutto il resto del Paese per le misure anti-Covid – ha annunciato la riapertura “a mille spettatori per eventi sportivi all’aperto, a partire dalle semifinali degli Internazionali d’Italia di Roma (in programma domenica, ndr.)“.

Mille spettatori, senza distinzioni di strutture (da San Siro ai campetti dei dilettanti, il distanziamento appare ben differente), senza una minima progettualità, dopo aver negato per mesi ai tifosi l’accesso agli stadi. Un annuncio ancora una volta tra mille contraddizioni, che a cascata ha fatto scaturire un primo provvedimento: l’Emilia Romagna ha infatti permesso mille spettatori per le sfide di Parma e Sassuolo valide per la 1a giornata di Serie A con l’ennesimo scontro alle porte tra Governo e enti locali.

Anche la Lega Serie A non ci sta e ha divulgato poco fa una nota riguardante l’apertura degli stadi: “La situazione che stiamo vivendo, alla vigilia della partenza della nuova stagione, è surreale. Abbiamo presentato a luglio un protocollo dettagliato di oltre 300 pagine per la riapertura parziale in massima sicurezza degli stadi, dettagliando per ciascun impianto le modalità attuative di ingresso, permanenza e deflusso dei tifosi – ha detto l’Amministratore Delegato della Lega Serie A Luigi De Siervo -. Al netto delle sacrosante deroghe concesse dalla Regione Emilia Romagna oggi, alla ripartenza del Campionato, il caos regna ancora sovrano. La Lega Serie A chiede, per il rispetto che merita la nostra industria e i nostri tifosi, che al più presto si faccia chiarezza sulla riapertura dei nostri stadi, seppur parziale e condizionata al rispetto delle condizioni di sicurezza per il pubblico”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136