Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Nuova ordinanza a Trento: almeno fino a fine anno vietata la vendita di caldarroste e vin brulè

domenica, 15 novembre 2020

Trento – Ancora limitazioni, ancora divieti. Prosegue la sequenza di ordinanze a livello nazionale, regionale e locale a vietare attività ai cittadini.

Ianeselli sindaco TrentoStavolta protagonista è Trento, dove gli “assembramenti” di ieri non sono piaciuti al sindaco che ha firmato una nuova ordinanza per vietare la vendita di castagne e vin brûlé nei chioschi del centro cittadino fino al 31 dicembre 2020. “Rispetto delle regole e responsabilità: è quello che ci viene chiesto per superare assieme questo momento. Rinunciamo a ciò che non è essenziale. Al momento a Trento abbiamo più di duemila contagiati, quindi la situazione è molto, molto difficile, servono buon senso e rispetto delle regole”, il commento del primo cittadino Franco Ianeselli.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136