Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


La Finanza del Trentino Alto Adige ha festeggiato il patrono San Matteo

lunedì, 21 settembre 2020

Trento – Le Fiamme Gialle del Trentino – Alto Adige hanno festeggiato San Matteo, il patrono della Guardia di Finanza, con una sobria celebrazione eucaristica tenutasi, nel rispetto delle misure di prevenzione e contenimento dettate dall’emergenza epidemiologica da Codiv-19, nella splendida chiesa settecentesca di San Francesco Saverio in Trento, officiata dall’arcivescovo di Trento, monsignor Lauro Tisi e concelebrata dal 1° Cappellano Militare Capo, don Michele Mastropaolo.

San Matteo - patrono Finanza - Trento 2Alla celebrazione, sottolineata dai canti del coro dei Finanzieri della Scuola Alpina di Predazzo, hanno preso parte il Comandante Regionale della Guardia di Finanza, Generale Brigata Ivano Maccani, ed una rappresentanza del personale della Guardia di Finanza del Trentino Alto Adige, in servizio ed in congedo.

La conversione di Matteo, un esattore delle imposte del tempo, un “pubblicano”, secondo la narrazione evangelica, fu opera dello stesso Gesù, che lo scelse, per far parte del gruppo degli Apostoli, con un semplice “seguimi”.

Con lettera del 10 aprile 1934, Papa Pio XI dichiarava “Celeste Patrono presso Dio del Corpo dei Finanzieri Italiani l’Apostolo ed Evangelista S. Matteo”.

San Matteo - patrono Finanza - Trento 1Nell’omelia monsignor Tisi ha posto l’accento sul delicato momento che sta vivendo il mondo intero e che non risparmia il Paese e questa regione, ove le donne e gli uomini della Guardia di Finanza, nell’ambito della loro quotidiana missione a tutela della legalità, sono ora chiamati, in prima linea, a sostenere le fasce più deboli e indifese.

Infatti, in un periodo emergenziale come questo, le Fiamme Gialle contribuiscono, con tenacia, generosità e professionalità, a garantire che la ripresa si sviluppi in una cornice di giustizia, equità e legalità, vigilando affinché le risorse pubbliche, destinate alle famiglie ed alle imprese, affluiscano a coloro che versano in situazioni di effettivo bisogno.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136