Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Il futuro dell’Euregio, Fundamentals e Giornata del Tirolo al Forum europeo di Alpbach

domenica, 23 agosto 2020

Bolzano - Il futuro dell’Euregio è stato al centro dell’edizione di quest’anno della Giornata del Tirolo al Forum europeo di Alpbach dal titolo “Fundamentals – le basi della cooperazione nell’Euregio” tenutasi oggi, 23 agosto.  Dai lavori odierni, ai quali hanno preso parte anche i tre presidenti del Tirolo e delle Province di Bolzano e di Trento,  sono emerse decisioni importanti tra le quali la creazione di una nuova base per la cooperazione transfrontaliera ed una riforma del Gruppo europeo di cooperazione territoriale (GECT). Foto di ASP/Amt der Tiroler Landesregierung.

tirI tre presidenti avevano già incaricato in precedenza l’EuregioLab, guidato dal professor Walter Obwexer, di analizzare l’attuale cooperazione dell’Euregio e di formulare raccomandazioni per il suo ulteriore sviluppo. Sulla base di tre raccomandazioni concrete, il regolamento dell’Euregio, basato sui trattati fondativi del 2011, sarà ora modernizzato. In concreto, si prevede di rafforzare gli elementi democratici ampliando l’Assemblea, coinvolgendo i rappresentanti comunali e la popolazione, istituendo uffici dell’Euregio a Innsbruck e Trento e un Festival culturale dell’Euregio.

“Le settimane e i mesi scorsi hanno dimostrato quanto sia importante la cooperazione transfrontaliera, soprattutto in tempi di crisi. Vogliamo e dobbiamo garantire che l’Euregio rimanga al passo con i tempi. Solo così anche le generazioni future potranno beneficiare di questa istituzione, formatasi nell’ambito del progetto di pace dell’Unione Europea. Mentre il livello di notorietà dell’Euregio aumenta gradualmente tra la popolazione, la stragrande maggioranza – il 90 per cento – chiede un ulteriore sviluppo della cooperazione tra Tirolo, Alto Adige e Trentino. Ne stiamo tenendo conto nelle decisioni ed i passi di oggi - stiamo mettendo il futuro dell’Euregio in nuove mani, insieme alla popolazione”, ha sottolineato il presidente del Tirolo, Günther Platter.

“Il tema della Giornata odierna ‘Euregio-Fundamentals: fondamenti, approfondimento e sviluppo dell’Euregio’ è stato scelto molto opportunamente. I valori fondanti della nostra società basata sulla solidarietà non sono stati scossi e messi a dura prova solamente dalla crisi legata alla pandemia, bensì, già prima, dalla crisi dei profughi. Ora più che mai è importante opporsi ai tentativi populistici di portare avanti una politica di odio” ha affermato il presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, nel corso del suo intervento odierno.

Da parte sua il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, ha dichiarato “mi associo all’invito formulato dal presidente del Tirolo di rivolgere il nostro impegno al futuro dell’Euregio, in particolare in un momento così impegnativo come quello attuale. Dobbiamo nuovamente ripartire dalla nostra storia e dai nostri valori comuni e rivolgere il nostro sguardo verso il futuro animati da coraggio, spirito d’innovazione e sfruttando l’esperienza comune maturata nell’ambito dell’Euregio. Un momento importante sarà indubbiamente rappresentato dal decimo anniversario della fondazione del GECT che si celebrerà il prossimo anno. Ci impegneremo anche in futuro per valorizzare l’Euregio in ambito europeo nell’interesse dei nostri Comuni ed in particolare dei nostri giovani”.

Creazione del Consiglio dei Comuni e coinvolgimento della popolazione

In conformità con le raccomandazioni dell’EuregioLab, la Giunta dell’Euregio, insieme ai Consigli provinciali, ha istituito una commissione guidata da Walter Obwexer, esperto di diritto europeo, che inizierà immediatamente i lavori sui nuovi statuti. Il cuore della riforma dello Statuto sarà il rafforzamento delle strutture democratiche e il coinvolgimento della popolazione. Attualmente, il cosiddetto “Dreier-Landtag”, composto dai rispettivi rappresentanti eletti, ha luogo ogni due anni. In futuro, i Comuni saranno sempre più coinvolti anche grazie alla creazione di un “Consiglio dei Comuni“. “La democrazia ha un valore indescrivibile. Dobbiamo apprezzarla e promuoverla. L’Euregio sta già definendo gli standard in tutta Europa – con l’ampliamento dell’Assemblea, l’Euregio si baserà su uno statuto completamente rinnovato, che tra un anno potremo stringere tra le nostre mani”, ha annunciato il presidente dell’Euregio, Platter. I capisaldi del “Consiglio dei Comuni” dovrebbero essere pronti per essere discussi con le associazioni dei Comuni ed i consigli Interreg già all’inizio dell’estate 2021. È prevista anche la realizzazione, attraverso un progetto pilota che verrà realizzato nel 2021, di un Consiglio dei cittadini dell’Euregio.

Sedi dell’Euregio anche ad Innsbruck ed a Trento

Dopo il trasferimento dell’Euregio nella nuova sede centrale di Bolzano (“Casa della Pesa”) il 1° luglio 2020, in futuro ci sarà anche una sede dell’Euregio a Innsbruck e a Trento.  “La crescita in termini di temi ed obiettivi dell’Euregio dal 2011 è notevole. Attualmente l’Euregio è rappresentata nelle rispettive amministrazioni territoriali e nell’ufficio congiunto dell’Euregio di Bolzano. Per un coordinamento ancora migliore in futuro, sono necessari punti di contatto decentralizzati in tutti e tre i territori. Per questo motivo stiamo anche creando uffici di informazione e coordinamento in Tirolo e Trentino, dove verranno sviluppati e supervisionati solo i progetti di tutta l’Euregio, con personale bilingue e sotto la guida del Segretario Generale”, ha affermato il presidente dell’Euregio. Ciò dovrebbe migliorare il flusso di informazioni e consentire una più rapida e mirata attuazione dei progetti.

Promozione della cultura transfrontaliera e della cooperazione turistica

“La cultura vive di scambi, di usi e costumi e di tradizioni, ma anche di punti in comune e di contrasti. La proposta degli esperti di creare un ‘Festival della cultura dell’Euregio’, che si terrà a rotazione in tutti e tre i territori, sarà in ogni caso inclusa nel nuovo concetto di Euregio”, hanno annunciato i tre presidenti. Alla luce della situazione attuale, non è ancora certo che l’evento si terrà già nel 2021, ma il tempo a disposizione dovrebbe essere utilizzato principalmente per l’ideazione e la preparazione. Per questo motivo l’anno prossimo in Tirolo si terrà una tavola rotonda culturale per discutere l’organizzazione di un tale festival.

Per consentire all’Euregio di affermarsi meglio nel settore del turismo, le organizzazioni turistiche regionali dei tre territori hanno firmato oggi anche i trattati istitutivi di un nuovo GECT: “Euregio Connect” è un Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale (GECT), che facilita la cooperazione tra i suoi tre membri Tirol Werbung, IDM Südtirol e Trentino Marketing, in quanto semplifica la realizzazione di progetti transfrontalieri, soprattutto nel settore del turismo. Questo GECT avrà sede a Innsbruck.

Forum Alpbach 2020, premi per giovani ricercatori e innovatori

Anche quest’anno, nell’ambito della Giornata del Tirolo, sono stati assegnati due importanti premi dell’Euregio: il Premio Giovani Ricercatori dell‘Euregio di quest’anno è stato assegnato dalla presidentessa della giuria, Ulrike Tappeiner, della Libera Università di Bolzano, a Verena Wiedemair, del Management Center Innsbruck. Il secondo posto è andato a Laura Voller ed il terzo a Maria Buck.

Il progetto sviluppato dalla vincitrice del premio si incentra sulla diversificazione della nutrizione in regioni come l’arco alpino, caratterizzate da una forte presenza di monoculture. Il premio è rivolto a ricercatori emergenti di età inferiore ai 35 anni che lavorano a progetti riguardanti i fondamenti della cooperazione dell’Euregio nei seguenti settori: “Cooperazione culturale, storica e linguistica”, “Cooperazione giuridica e politica” e “Cooperazione economica e sociale”.

Il Premio Innovazione di quest’anno è stato assegnato dal presidente della giuria Josef Margreiter, amministratore delegato della Lebensraum Tirol Holding, a  Michael Traugott, della ditta Sinsoma GmbH di Völs nei pressi di Innsbruck. Il vincitore ha sviluppato, assieme all’Università di Innsbruck, un procedimento per il test PCR che consentirà di migliorarne l’affidabilità. Il secondo posto è andato a Johannes Fontana ed il terzo a Marcel Huber.

I tre presidenti provinciali hanno quindi dichiarato in merito ai premi “Ci congratuliamo con i vincitori e li ringraziamo per il loro impegno e il loro entusiasmo. L’Euregio vive delle idee dei giovani, sono l’Euregio di domani. Questo rende ancora più importante offrire loro una piattaforma per le loro idee e opinioni.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136