Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Stagione sciistica, più certezze e programmazione Oltralpe? In Italia Governo e istituzioni locali frenano

Roma - Gli operatori turistici ancora una volta denunciano mancanza di chiarezza e programmazione anche per quanto riguarda la stagione invernale. Il proseguimento del lockdown almeno per le prossime settimane - oltre alla mancanza al momento di un protocollo per aprire gli impianti sciistici - rischia di pesare non solo sulle prospettive per il Natale degli italiani ma anche sullo svolgimento della stagione invernale, cruciale per la sopravvivenza dei territori alpini italiani. E mentre oltre confine la situazione è indirizzata - solo l'Austria è in stand-by al momento ma con prospettive di inizio prima di Natale, in Svizzera l'apertura è già avvenuta e proseguirà nei prossimi weekend grazie al Piano di protezione redatto a fine ottobre col protocollo, in modo simile le stazioni francesi si aspettano un Natale sulla neve dopo il lockdown deciso da Macron - l'Italia anche nelle dichiarazioni delle istituzioni è completamente in alto mare.


"Tutto è legato all'andamento dell'epidemia, non si può pensare in questo momento alla programmazione della stagione", si continua a ripetere trasversalmente da parte di sindaci, governatori e membri della maggioranza di Governo, senza pensare alla drammatica situazione di un comparto chiave per l'economia del Paese.

E se dall'Esecutivo a Roma l'atteggiamento a favore di lockdown e chiusure è già stato dimostrato ampiamente negli ultimi mesi nonostante la catastrofe provocata dai provvedimenti di limitazioni populiste e poco razionali (rimanendo sul tema degli impianti sciistici, ne è un chiaro esempio la chiusura dopo un paio di scatti sui social delle code a Cervinia nel ponte di Ognissanti pochi giorni dopo aver dato il via libera alla stagione), lascia più perplessi i cittadini la posizione delle istituzioni locali che in linea di principio dovrebbero aver più chiara la problematica di tenuta economica-sociale dei propri territori.


Ieri sul tema della prospettiva per la stagione invernale è intervenuto il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia: "Riduciamo il più possibile i livelli di contagio, poi valuteremo le diverse condizioni territoriali. Dobbiamo convivere con il virus, mettendo il più possibile in sicurezza il Paese. Il virus si contiene con le restrizioni. E riaprire tutto non è contemplato, si tornerebbe al 1° gennaio 2020, e questo non si può fare. Quando ci sarà il vaccino, si potrà riaprire gradualmente". Sulla stessa linea il presidente della provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, nel corso dell'ultima conferenza stampa: "Oggi non vanno create aspettative per il Natale, speriamo che si possa sciare dopo Natale. Tutti sappiamo che sarà un inverno difficilissimo".

Ultimo aggiornamento: 19/11/2020 10:55:47
POTREBBE INTERESSARTI
Padergnone (Trento) - Casa Caveau Vino Santo si prepara ad accogliere il secondo appuntamento enogastronomico...
Ospita dieci cittadini del Trentino Alto Adige
Per Skiresort.info la SkiArea si conferma il miglior comprensorio sciistico d’Italia e il sesto internazionale 
Sono entrate in funzione le due colonnine di ricarica elettrica
ULTIME NOTIZIE