Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Stagione invernale, Uncem si schiera: "Urgente tavolo tecnico per aprire gli impianti da sci"

Passo Tonale - "Il tavolo delle Regioni per l’apertura degli impianti invernali deve consentire di avere in tempi rapidi regole certe per praticare sport e divertirsi sulla neve e sul ghiaccio in sicurezza, per rispondere agli operatori del settore, anche individuando ristori e finanziamenti ad hoc, per salvaguardare migliaia di posti di lavoro, per far decollare la stagione e così permettere flussi di turisti e dunque economici di miliardi di euro, importantissimi per la montagna". L'Unione delle comunità montane non ha dubbi: "si usino queste prossime due settimane per definire – impiantisti, Fisi, Regioni, Governo, Comitato tecnico scientifico nazionale, Enti locali, Uncem insieme – un piano operativo efficace e snello. Regole chiare e certe, come abbiamo visto ad esempio applicate per la “bolla” che si è mossa con il Giro d’Italia, riducendo nelle tre settimane di corsa i contagi da Covid-19 del 70% rispetto alla media del Paese".


Uncem è al lavoro - con il Presidente nazionale Marco Bussone, con tutte le Uncem regionali e in particolare con il presidente della Delegazione della Lombardia, Tiziano Maffezzini - per agevolare la partenza del sistema turistico dei prossimi mesi, supportando le località dove insistono impianti di risalita e quelle valli dove si sono definiti altri sistemi ludico-sportivi.

Non le prime senza le seconde: ogni valle alpina ha le proprie vocazioni che vanno esaltate tutte, secondo Uncem.


Occorrono per il sistema-neve degli interventi normativi e finanziari, urgenti. “Il DPCM di chiusura fino al 24 novembre degli impianti è uscito in concomitanza delle promozioni di skipass stagionali disincentivando dall’acquisto la clientela. Oggi scuole di sci sci club e noleggi appaiono smarrirti – evidenziano Maffezzini e Bussone che stanno mappando la situazione nelle diverse località sciistiche, in accordo con Arpiet, Federfuni, Anef – Gli skipass stagionali rappresentano per molte stazioni un giro d’affari di almeno il 30% della stagione invernale: il DCPM ha già intaccato questo giro d’affari ancora prima di aprire. Gli impianti di risalita sono aperti durante 4-5 mesi invernali, quasi tutti i gestori non hanno introiti rilevanti per i restanti 8 mesi dell’anno, finanziariamente devono quindi sostenere i costi dell’apertura, della sicurezza e della neve senza sapere se potranno effettivamente essere aperti e con quali condizioni. La situazione del comparto rischia di essere drammatica. Soprattutto, anche se aperti, le misure Covid rappresentano un sovracosto e limitano l’affluenza creando di fatto una non economicità di gestione. Occorrono precise misure per il ‘ristoro’ degli operatori. Serve chiarezza e il tavolo da fare con tutti gli attori, pubblici e privati, del settore in campo, è urgentissimo. Va evitato ogni minimo danno a tutto l’indotto che lo sci si porta addosso, alberghi, ristoranti, esercizi commerciali. Uncem sta con operatori, impiantisti, maestri di sci, guide, albergatori. Escludiamo già oggi, lavorando bene, i danni gravissimi di domani, grazie a regole chiare e precise”

Ultimo aggiornamento: 30/10/2020 02:36:33
POTREBBE INTERESSARTI
Cevo (Brescia) - Sfida a due alle elezioni Comunali di Cevo dell'8 e 9 giugno: Simone Bresadola contro Salvatore...
Pian Camuno - La Master Rapid SKF CBL ha partecipato alla Youth League wkf di La Coruna in Spagna, un importante evento...
Cronoscalata, il 53esimo trofeo Vallecamonica in calendario dal 12 al 14 luglio
Edolo (Brescia) – Il turismo in treno in Lombardia continua a crescere: nel 2024 già 2,8 milioni di passeggeri hanno...
Il 22 e 23 giugno un percorso ed una logistica rinnovati
Partendo dal messaggio di Papa Francesco
ULTIME NOTIZIE
Valdidentro (Sondrio) - A causa di un incidente che ha coinvolto un mezzo pesante, è stata temporaneamente chiusa al...
Brescia - Due sorelle di 29 e 36 anni, residenti in Franciacorta e arrestate a Rovato: una di loro svolgeva l'attività...