Ad

w

Ad
Ad


Lockdown natalizio per lo sci? Intanto le Regioni approvano il protocollo per l’apertura degli impianti

lunedì, 23 novembre 2020

Madonna di Campiglio – Nella giornata contrassegnata da annunci trasversali sull’impossibilità di trascorrere le vacanze natalizie sulla neve, Regioni e Province autonome hanno approvato all’unanimità il protocollo per la riapertura degli impianti sciistici. Un protocollo che ora verrà portato all’attenzione del Comitato tecnico scientifico.

Questa mattina si è tenuta la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome in seduta straordinaria, all’ordine del giorno anche l’approvazione delle “Linee guida per l’utilizzo degli impianti di risalita nelle stazioni e nei comprensori sciistici da parte di sciatori amatoriali. Il punto è stato approvato ad unanimità con emendamento. Nelle prossime ore uscirà una nota congiunta da parte di tutti gli Assessori agli impianti a fune delle Regioni delle Alpi (qui il link alla nota)“: questo l’annuncio dato da Roberto Failoni, Assessore all’Artigianato, Commercio, Promozione, Sport e Turismo della Provincia Autonoma di Trento.

Con ogni probabilità, in caso di conferma delle anticipazioni del lockdown a Natale, le regole serviranno per avviare la stagione a inizio 2021 anche se ciò potrebbe non bastare per salvare l’annata con conseguente catastrofe socio-economica che va a sommarsi a quella generata dagli ultimi mesi di limitazioni per territori il cui sostentamento principale è dato dal settore turistico.

Seguiranno nel corso della giornata tutti i dettagli del protocollo con mascherine, contingentamento e altre limitazioni per sciatori e turisti all’accesso e durante il trasporto sugli impianti a fune.

LA VALLE D’AOSTA E L’IMPORTANZA DEL SETTORE
“Oggi all’interno della Conferenza delle Regioni è stata ribadita, e non soltanto dalle Regioni di montagna, l’importanza del settore degli impianti a fune e di tutto mondo economico della neve. – 
così commentano il Presidente della Regione Valle d’Aosta Erik Lavevaz e il vice Presidente Luigi Bertschy -. Dobbiamo arrivare ad una sintesi con il Governo per garantire la sicurezza di sciatori e operatori e per determinare quali possano essere le migliori modalità e tempistiche per l’avvio della stagione, partendo dal presupposto che per regioni come la Valle d’Aosta l’inverno è uno dei momenti di maggiore attività, per tutto il nostro sistema economico.

Accanto alle regole approvate oggi dalla Conferenza della Regioni per l’apertura degli impianti di risalita, si dovrà predisporre un piano per un’apertura in sicurezza della stagione invernale”. Questo il monito che arriva dalla Valle d’Aosta, oggi al tavolo della Conferenza delle Regioni con il Presidente della Regione Erik Lavevaz e il vice Presidente Luigi Bertschy per l’approvazione del Protocollo sci, che delinea le linee guida da adottare per poter riaprire funivie e seggiovie.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136