Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Coldiretti Trento, Gianluca Barbacovi confermato presidente

Trento - Gianluca Barbacovi è stato eletto presidente di Coldiretti Trento. L’assemblea, riunitasi stamattina a Trento presso il Centro Congressi Interbrennero, ha confermato attraverso il voto la fiducia a Barbacovi, che guida l’Organizzazione dal 2018.


Barbacovi, 35 anni, agricoltore residente in Val di Non, continuerà quindi ad essere al timone della Coldiretti provinciale per i prossimi 5 anni di mandato.


Per me è un onore – le prime parole di Barbacovi dopo la nomina - presiedere Coldiretti per altri 5 anni, ringrazio tutta l’assemblea per la fiducia. Abbiamo tanta carne al fuoco, tante tematiche da affrontare, saranno 5 anni impegnativi. Io da parte mia darò piena disponibilità a portare avanti le nostre battaglie a difesa del settore agricolo”.


Nel corso dell’assemblea il presidente ha voluto ricordare Gabriele Calliari, scomparso lo scorso gennaio, figura di spicco del mondo agricolo locale che aveva guidato la Coldiretti regionale per 27 anni prima di passare il testimone proprio a Barbacovi: “Voglio rivolgere un ricordo a un uomo che aveva saputo traghettare l’Organizzazione nelle diverse fasi di cambiamento del nostro mondo agricolo e della società tutta. Lo voglio salutare con affetto e con la promessa che faremo tesoro dei suoi preziosi insegnamenti”.


Altro momento molto toccante quello dedicato all’alluvione in Emilia Romagna, un disastro che ha devastato aziende agricole e allevamenti in una delle aree più agricole del Paese. “Alla tragedia per i cittadini e i danni sulla produzione agricola – ha ricordato Barbacovi – si aggiungono quelli alle strutture come gli impianti dei frutteti, le serre, gli edifici rurali, le stalle, i macchinari e le attrezzature perse, senza contare la necessità di bonificare i terreni e ripristinare la viabilità nelle aree rurali con frane nelle aziende e lungo le strade”. Il presidente ha ricordato che Coldiretti ha lanciato un'iniziativa di solidarietà grazie alla quale sarà possibile sostenere le aziende agricole colpite attraverso un apposito conto corrente.


Molti i temi affrontati nel corso della seduta, con lo stesso Barbacovi a fare il punto delle grandi battaglie condotte e da portare avanti a livello locale, nazionale ed internazionale.


Dopo aver ricordato le varie azioni messe in campo contro il caro prezzi a difesa di agricoltori e allevatori, compresa la grande mobilitazione organizzata a Trento nel marzo del 2022, il presidente ha illustrato le richieste rivolte al governo Meloni: “Al nuovo governo abbiamo chiesto di portare avanti le nostre proposte, in un momento in cui serve stabilità politica per far valere i propri interessi sia a livello nazionale che in Europa, consapevoli che a livello comunitario è fondamentale essere autorevoli e influenti per difendere il Made in Italy dai continui attacchi che minacciano la nostra economia e in particolare il settore agricolo”.


Molto forte il passaggio sui grandi carnivori, un tema di stretta e drammatica attualità per la provincia di Trento: “Il nostro grido d’allarme e le nostre mobilitazioni in questi anni non si sono mai fermate. Adesso il limite è stato superato e non possiamo più aspettare: la soluzione va trovata immediatamente.

La terribile vicenda di Andrea Papi della Val di Sole e i numerosi attacchi registrati negli ultimi mesi rappresentano la punta dell’iceberg di una situazione fuori controllo dove la resistenza di chi lavora e vive sul territorio è ormai al limite”.


Fondamentale anche il passaggio sulle battaglie condotte contro il Nutriscore e il cibo sintetico: “Gli investimenti nel campo del cibo sintetico stanno crescendo molto, sostenuti da diversi protagonisti del settore hitech e della nuova finanza mondiale. Per quanto riguarda la carne da laboratorio, la verità che non viene rivelata è che non salva gli animali perché viene fabbricata sfruttando i feti delle mucche, non salva l’ambiente perché consuma più acqua ed energia di molti allevamenti. Dopo la raccolta di oltre un milione e mezzo di firme in tutta la Penisola da parte di Coldiretti, delle quali oltre tredicimila in regione, lo scorso 28 marzo il Consiglio dei Ministri ha licenziato un disegno di legge che vieta la produzione, la commercializzazione, l’uso e l’importazione di cibo sintetico. Coldiretti ha presentato un ulteriore mozione che presentata anche nei consigli comunali per chiedere la conversione in legge del decreto.


Da combattere in sede europea anche le battaglie contro il “regolamento fitofarmaci” e la direttiva “ammazza stalle”.


In questi mesi – ha ricordato Barbacovi - abbiamo ribadito a più riprese che questo tipo di politica omologante andrebbe a ledere chi, come l’Italia e la nostra regione autonoma, nel tempo ha investito in sostenibilità ambientale, ricerca e innovazione. Equiparare gli allevamenti, anche di piccole/medie dimensioni, alle attività industriali, appare ingiusto e fuorviante rispetto al ruolo che essi svolgono nell’equilibrio ambientale e nella sicurezza alimentare in Europa”.


Anche rispetto alla recente entrata in vigore della legge sulle “etichette allarmistiche del vino” in Irlanda la posizione di Coldiretti è ferma: “Si tratta di una norma distorsiva del commercio che è il risultato di un approccio ideologico nei confronti di un alimento come il vino che fa parte a pieno titolo della dieta mediterranea e conta diecimila anni di storia. Dobbiamo difendere un settore del Made in Italy che ha scelto da tempo la strada della qualità”.


Sul fronte del lavoro e in particolare del Decreto Flussi, Barbacovi ha ricordato che “grazie alle pressioni a livello nazionale e provinciale di Coldiretti, il ministero del lavoro e dell’agricoltura ci ha concesso ulteriori quote per il rilascio dei nulla osta delle domande di extracomunitari richiesti per la Provincia di Trento”.


Sul tema della gestione dei rifiuti, il presidente ha ricordato che “Coldiretti ha ritenuto opportuno esprimersi nel merito del 5° aggiornamento del Piano Provinciale Gestione Rifiuti, perchè materia che, se non gestita con la giusta ratio, può avere conseguenze d’impatto sul territorio e sulle imprese molto negative. Il tema della gestione dei rifiuti tocca molti aspetti, come si evince dalle nostre considerazioni, non solo tematiche progettuali, ma ambientali, economiche, sociali e comportamentali, sarà pertanto necessario, e noi l’auspichiamo, un confronto serio che tenga in debita considerazione l’oggi, ma soprattutto il domani, una politica lungimirante che porti benefici trasversali”.


E’ inoltre importante – ha aggiunto Barbacovi - riconoscere il ruolo delle nuove tecniche di evoluzione assistita per accelerare sulla genetica green capace di tutelare l’ambiente, proteggere le produzioni agricole con meno pesticidi, difendere il patrimonio di biodiversità presente in Italia dai cambiamenti climatici e far tornare la ricerca italiana protagonista dopo l’emergenza Covid”.


Infine un passaggio sulle opere strategiche infrastrutturali che sono fondamentali per il settore agricolo e sul “Piano Invasi”, mai come oggi prioritario per l’Italia: “Serve un miliardo di euro per aumentare la raccolta di acqua piovana oggi ferma all’11%, attraverso la realizzazione di invasi che garantiscano acqua per gli usi civili, per la produzione agricola e per generare energia pulita idroelettrica. Gli invasi rappresentano inoltre una delle forme più sostenibili per l’accumulo di energia ed è fondamentale coinvolgere grandi soggetti come Terna, Enel, Eni in un partenariato utile allo sviluppo della sicurezza energetica e idrica del Paese”.

Ultimo aggiornamento: 31/05/2023 17:32:31
POTREBBE INTERESSARTI
Cevo (Brescia) - Sfida a due alle elezioni Comunali di Cevo dell'8 e 9 giugno: Simone Bresadola contro Salvatore...
Edolo (Brescia) – Il turismo in treno in Lombardia continua a crescere: nel 2024 già 2,8 milioni di passeggeri hanno...
Partendo dal messaggio di Papa Francesco
Tione (Trento) - Serve attrattività della proposta a supporto delle risorse umane sanitarie, è necessario potenziare il...
Gara a tappe di ciclismo su strada più affascinante e spettacolare d'Europa
Trento - Messaggio forte al Festival dell'Economia di Trento dal premio Nobel Edmund Phelps: "Per una fioritura delle...
ULTIME NOTIZIE
Pian Camuno - La Master Rapid SKF CBL ha partecipato alla Youth League wkf di La Coruna in Spagna, un importante evento...
Cronoscalata, il 53esimo trofeo Vallecamonica in calendario dal 12 al 14 luglio
Il 22 e 23 giugno un percorso ed una logistica rinnovati