Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Un nuovo piano per l’Apsp Giacomo Cis di Bezzecca

Bezzecca - Momento di festa per tutta la comunità ledrense, a Bezzecca, per l’inaugurazione di un nuovo piano dell’Apsp Giacomo Cis. Si sono infatti da poco conclusi i lavori di ristrutturazione del quarto piano, reso fruibile grazie a un intervento di sopraelevazione della copertura, che erano iniziati nel gennaio del 2022. Alla cerimonia, era presente l’assessore provinciale alla salute e politiche sociali, Mario Tonina, accolto dalla presidente della struttura Marisa Dubini, dal direttore Paolo Bortolamedi e dai locali amministratori, fra cui il sindaco del Comune di Ledro. Presenti anche i sindaci di Riva del Garda e Drena, oltre a rappresentanti del mondo dell’associazionismo, del volontariato, della Protezione civile, autorità militari e religiose.

L’Apsp Giacomo Cis rappresenta un vero e proprio punto di riferimento per la comunità, come ha sottolineato l’assessore provinciale alla salute e politiche sociali, che ha messo in risalto l’importanza di offrire servizi di qualità agli anziani, persone che hanno contribuito alla crescita del Trentino dal dopoguerra sino ai giorni nostri e a rendere questo territorio capace di distinguersi per qualità della vita.

La cerimonia di inaugurazione del quarto piano è stata una vera e propria festa della comunità allietata dalla cornice musicale del “Coro Giovinezza”, con protagonisti gli stessi ospiti della Apsp. Ad applaudirli tanti famigliari, giovani e meno giovani, che in questa struttura si sentono “a casa”. Di qui il ringraziamento della presidente Marisa Dubini alle tante persone, alla Provincia, agli enti locali, ai tecnici, alle maestranze della ristrutturazione e a tutte le altre espressioni della società civile che accompagnano la vita di questa realtà.
Un luogo di accoglienza che, ha affermato la presidente, vuole andare oltre l’offerta di un posto letto e intende invece costruire relazioni.

Prima della cerimonia di inaugurazione v’è stato l’incontro dei rappresentanti dell’Apsp Giacomo Cis con l’assessore provinciale alla salute e politiche sociali nell’ambito delle visite programmate alle realtà che offrono servizi socio-assistenziali. Vi hanno preso parte, oltre ai vertici della struttura, anche il sindaco di Ledro, rappresentanti dei famigliari e del personale, la direttrice dell'Ufficio politiche a favore delle persone non autosufficienti Micaela Gilli, il direttore per il supporto clinico organizzativo alle Rsa di Apss Sergio Minervini e il geometra Marcello Guidi del Servizio politiche sanitarie e per la non autosufficienza.

Fra i punti posti all’attenzione dell’assessore, la crescente necessità di spazi, dovuta all’invecchiamento continuo della popolazione e l’accoglienza degli adulti psichiatrici, per i quali è stata auspicata, pur garantendo piena apertura e accoglienza, una sistemazione più adeguata alle loro necessità.

Da parte dell’assessore è stata manifestata piena disponibilità a esaminare la situazione e a individuare le possibili soluzioni alle diverse questioni sollevate, sottolineando come l’Apsp Giacomo Cis di Bezzecca rappresenti, per la sua efficienza gestionale e per la qualità dei suoi servizi, un vero e proprio esercizio di autonomia.

La Rsa di Bezzecca conta 60 posti letto autorizzati e accreditati, di cui 58 convenzionati come posti letto di base, oltre a fornire servizio di pasti a domicilio, punto prelievi aperto ad utenti esterni e servizi ambulatoriali in regime privatistico.

Come illustrato nel corso della cerimonia, la ristrutturazione ha consentito di ampliare gli spazi interni e di eliminare le stanze a tre letti. Completamente rifatto il manto di copertura, che era privo di isolazione termica ed è stato implementato l’impianto fotovoltaico; inoltre, è stata realizzata una scala di sicurezza esterna, sistemato l’ingresso principale, sono stati sostituiti i generatori di calore, è stata installata una nuova unità di trattamento aria e realizzato un nuovo ascensore. In totale il costo dell’intervento è pari a 1.764.000 euro, di cui 1.295.000 euro su finanziamento provinciale, 411.000 euro a carico dell’Apsp e 58.000 euro quale contributo BIM.
Ultimo aggiornamento: 19/05/2024 04:10:18
POTREBBE INTERESSARTI
Bene tra le donne Bruna Ferracane e tra gli uomini Paco Cottone, Marco Casagrande e Pietro Massini
Promossa da Asst di Valcamonica su quattro aree tematiche
In programma sabato 29 giugno dall'Ordine degli Agronomi e Forestali di Brescia, iscrizione entro il 24 giugno
Organizzato da don Battista Dassa e dal gruppo "Dio cammina a piedi"
Al via l’evento di WHOOP UCI Mountain Bike World Series: programma gare ed eventi
Gli incontri organizzati dall'associazione LOntàno Verde
ULTIME NOTIZIE
Bressanoine (Bolzano) - Servizio Straordinario di Controllo a Bressanone in occasione del "School Out". Ieri sera e...