Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Valle di Ledro, il Trofeo Nazionale Cori d’Italia al Coro Montecimon di Miane

martedì, 29 ottobre 2019

Valle di Ledro – Sono state le melodie dei cori del Veneto e della Lombardia ad ammaliare la giuria del primo Trofeo Nazionale Cori d’Italia, che in Valle di Ledro (Trento) ha visto esibirsi ben ventidue cori del Nord Italia e della Sardegna. La vittoria è andata al Coro Montecimon di Miane (Treviso) diretto dal maestro Paolo Vian. Secondo posto per il Gruppo Corale Bolzano Vicentino (Vicenza) diretto da Francesco Grigolo (premiato dalla giuria quale miglior direttore del Concorso) e medaglia di bronzo al gruppo canoro di Brescia, il Coro Erica di Paitone con maestro Vincenzo Loda. Grandi applausi e complimenti della giuria anche per il Coro Alpino Col di Lana di Vittorio Veneto (Treviso) diretto da Sabrina Carraro, Coro Voci della Ferrata di Verona diretto da Federico Bassetto (premiato quale Direttore emergente), Coro Piccole Dolomiti di Illasi (Verona) diretto da Zebo Castagnini, Coro Monte Pizzocolo di Toscolano Maderno (Brescia) diretto da Laura Toselli, Coro Popolare Città di Vimercate (Monza Brianza) diretto da Ferruccio Villa, Coro Vecchio Ponte G.Mayer di Bassano del Grappa (Vicenza) diretto da Enea Voltolini, Coro ANA Sandro Marelli di Fino Mornasco (Como) diretto da Davide Benzoni, Associazione Coro IS.CA Iseo (Brescia) diretto da Maria Lissignoli, Coro Storie dai Monti di Parma, diretto da Gianluigi Giacomoni, Coro Voci dei Colli di Colognola ai Colli (Verona) diretto da Lorenzo Masotto e Coro Città di Orzieri (Sassari) diretto da Alessandro Fois (nella foto l’esibizione del coro Montecimon credit Nicer).

L'esibizione del Coro Montecimon - Valle di ledroLa premiazione si è chiusa con una grande esibizione corale dedicata alle sfortunate vittime di Vaia, la tempesta che un anno fa ha causato danni e morti in Trentino, Veneto, Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Lombardia. Al centro Culturale di Locca i 700 cantori (con la giuria e le autorità presenti) hanno intonato la melodia Benia ca la storia di Bepi De Marzi, diretti da Federico Bassetto. Un omaggio rivolto alle vittime del maltempo ed anche allo stesso De marzi ritiratosi dal palcoscenico un mese fa dopo aver diretto per 60 anni il Coro I Crodaioli di Arzignano (Vicenza). Ed è stato emozionante ascoltare la potenza canora di una platea di cantori capaci di esaltare questa melodia struggente legata all’uomo e all’ambiente.

Tra i riconoscimenti collaterali il premio per il miglior brano di autore italiano vivente è andato Al Coro Montecimon, per il miglior brano di Luigi Pigarelli al Gruppo Corale Bolzano Vicentino, per il miglior repertorio proposto al Coro Piccole Dolomiti, per il migliore direttore a Francesco Grigolo (Gruppo Corale Bolzano Vicentino), per il direttore emergente a Federico Bassetto (Coro Voci della Ferrata di Verona), il premio meeting Music al Coro Montecimon e infine al Coro Città di Orzieri è andata la menzione della giuria per l’esecuzione del repertorio di tradizione.

Parallelamente al Concorso si è svolto il Festival che ha visto vari gruppi canori esibirsi in vari angoli della valle di Ledro: Al Qbo del nuovo Museo delle Palafitte, alla Chiesa di Pieve di Ledro e alla Chiesa di Santo Stefano – Sacrario Militare di Bezzecca dedicato alle gesta di Giuseppe Garibaldi e dei suoi Cacciatori delle Alpi con protagonisti anche i cori Valchiese di Storo, Valle di Lambro di Besana in Brianza (Monza – Brianza), Incanto Alpino di Mori, Fiaschi di Zuclo. Il concerto di apertura ha proposto le sonorità del Coro Coronelle di Cavalese (Trento), del Coro Donne Incanto Scuola Musicale Alto Garda di Riva del Garda (Trento) e del Gruppo Vocale Novecento di san Bonifacio (Verona). In attesa dei voti della giuria, a fine concorso, si è infine esibito il Coro Brenta di Tione. Per tutti applausi e richiesta di bis.

È stato un fine settimana di grande canto quello proposto in Valle di Ledro grazie alla presenza di ben ventidue cori del Nord Italia e della Sardegna protagonisti del nuovo concorso per cori maschili popolari è realizzato dall’Associazione EdizioniCorali.it con il supporto organizzativo del Consorzio Turistico della Valle di Ledro. Il Trofeo Nazionale Cori d’Italia prevedeva la partecipazione di cori maschili, con un minimo di 12 elementi. I cori partecipanti hanno proposto quattro brani popolari italiani (elaborazioni o d’autore) a cappella a libera scelta di cui almeno uno di Luigi Pigarelli e uno di un altro compositore o elaboratore italiano vivente. Il tutto sotto la direzione artistica del concorso del Maestro Enrico Miaroma, compositore e direttore di coro di Riva del Garda, affiancato in giuria da cinque personalità di affermata esperienza corale italiana e non solo: Maurizio Sacquegna, musicologo e direttore artistico di numerose formazioni corali, Pasquale Veleno, direttore di coro e orchestra di Pescara, Francesco Milita, compositore di musica corale e docente presso il Conservatorio di Riva del Garda, Roberto Garniga, musicista, tenore e direttore del Coro SOSAT di Trento ed infine Renzo Toniolli, direttore del Coro Croz Corona per 45 anni e già membro del comitato artistico della Federazione Cori del Trentino. Complessivamente i cinque i momenti concertuali – oltre al concorso vero e proprio – hanno coinvolto altre 700 coristi capaci di proporre al pubblico oltre 120 brani.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136