Ad
Ad


Ucciso da pirata della strada, Porte di Rendena piange Aldo Valentini: donna denunciata

domenica, 14 novembre 2021

Porte di Rendena – Un paese in lutto e indagini a tutto campo dei carabinieri sul tragico incidente a Ponte di Rendena (Trento) dove è stato ucciso Aldo Valentini, 73 anni, sacrestano di Iavrè. Il 73enne si stava recando in chiesa per accendere le luci e le candele per la Messa, quando è stato investito da un’auto che scendeva in direzione di Tione. Secondo una prima ricostruzione, dopo l’impatto, l’uomo si è alzato autonomamente e ha attraversato la statale e in questa seconda fase è stato investito da un’altra vettura che percorreva la Val Rendena in direzione di Pinzolo e l’ha trascinato. Aldo Valentini è stato trovato privo di vita a Pelugo, a ben tre chilometri di distanza dall’incidente.

DONNA DENUNCIATA
Nella tarda serata di ieri, si è presentata autonomamente presso la Stazione Carabinieri di Spiazzo (Trento) la conduttrice del veicolo che poche ore prima, a Porte Rendena – frazione Iavrè, sulla statale 239, aveva travolto il 73enne.

L’uomo, dopo essere stato investito e sbalzato nella corsia opposta da un altro veicolo, il cui conducente si era fermato per prestare soccorso, è stato travolto dal Tiguan in uso alla donna e agganciatosi al sottoscocca veniva trascinato per diversi chilometri sino al territorio di Pelugo ove è stato rinvenuto esanime.

La donna, una 72enne della Val Rendena, è stata denunciata in stato di libertà per i reati di omicidio stradale e omissione di soccorso. Indagini in corso.

CORDOGLIO
Grande il cordoglio a Iavrè e a Porte di Rendena dove Aldo Valentini era conosciutissimo. Le feste in  programma oggi nel paese della Val Rendena – Ringraziamento e San Martino – sono state annullate dalla Pro loco e dal comitato organizzatore in segno di lutto. Il sindaco Enrico Pellegrini e l’Amministrazione comunale ricordano Aldo: “Rimarrà vivo per la sua presenza costante nelle numerose occasioni di festa della Comunità, nel suo genuino impegno sociale che andava ricoprendo da moltissimi anni”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136