Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Trento: medaglia d’onore ai familiari di nove ex militari

Trento - Medaglia d’onore ai familiari di nove ex militari residenti in provincia di Trento, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra. Internati militari furono i soldati italiani catturati in patria e sui fronti di guerra all'estero dopo l’8 settembre 1943. Ufficiali, sottufficiali, soldati, medici, cappellani militari di tutte le forze armate, chiusi nei carri ferroviari e trasferiti nei campi della Polonia e della Germania a languire di inedia o a lavorare come schiavi nelle miniere e nelle fabbriche di guerra. Migliaia di loro morirono di fame o di tubercolosi, per sevizie ed esecuzioni sommarie o sotto i bombardamenti.


Il dato macroscopico che caratterizzò la vicenda dei militari italiani internati nei lager fu il loro massiccio rifiuto di combattere e di collaborare con i tedeschi. il no che li trattenne prigionieri in Germania, e che molti pagarono con la vita, fu atto volontario e consapevole.

Come ha spiegato ieri il prefetto di Trento Filippo Santarelli, con questo riconoscimento, la nazione rende loro merito per il sacrificio patito in gioventù in nome del giuramento prestato alla patria.


I RICONOSCIMENTI
Alla memoria di Giuseppe Albertini, internato militare in Germania dal 9 settembre 1943 all’8 maggio 1945, medaglia d’onore ritirata dal figlio Roberto, di Pergine Valsugana;
Alla memoria di Mario Belli, internato militare in Germania dal 20 settembre 1943 all’8 maggio 1945, medaglia d’onore ritirata dal nipote Michele Belli, di Trento;
Alla memoria di Ettore Camin, internato militare in Germania dal 9 settembre 1943 al 12 maggio 1945, medaglia d’onore ritirata dalla figlia Rosanna, di Trento;
Alla memoria di Ugo Coelli, internato militare in Germania dal 9 settembre 1943 al 24 maggio 1945, medaglia d’onore ritirata dal figlio Carlo, di Rovereto;
Alla memoria di Giorgio Comai, internato militare in Germania dal 8 settembre 1943 all’8 maggio 1945, medaglia d’onore ritirata dalla nipote Eliana Turrina, di Cavedine;
Alla memoria di Giuseppe Dalbon, internato militare in Austria dal 1° ottobre 1943 all’8 maggio 1945, medaglia d’onore ritirata dalla sorella Rita, di Porte di Rendena;
Alla memoria di Pietro Libardi, internato militare in Germania e Austria dal 8 settembre 1943 all’11 maggio 1945, medaglia d’onore ritirata dal figlio Cornelio, di Trento;
Alla memoria di Ugo Masi, internato militare in Polonia e Germania dal 9 settembre 1943 al 26 agosto 1945, medaglia d’onore ritirata dal figlio Alfonso, di Trento;
Alla memoria di Aldo Maturi, internato militare in Germania dal 9 settembre 1943 al 10 maggio 1945, medaglia d’onore ritirata dalla figlia Rita, di Levico Terme.

Ultimo aggiornamento: 03/06/2023 04:50:40
POTREBBE INTERESSARTI
Il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, ha incontrato il ministro Pichetto Fratin
Grazie al progetto portato avanti da AquiLab e liceo delle arti di Trento e Rovereto
Trento - Ultimo saluto ad Annamaria Frioli, vittima di un incidente in via Maccani a Trento. La donna, di 70 anni, era...
ULTIME NOTIZIE