Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Trento: la biblioteca di Regione Trentino Alto Adige non chiuderà

Trento - La biblioteca di Regione Trentino Alto Adige non chiuderà e non sarà smembrata. L'assessore Claudio Cia è intervenuto sulla querelle: "Va fatta un po’ di memoria per ricordare come la chiusura della Biblioteca sulle autonomie e le minoranze linguistiche della Regione è stata portata avanti sin dal 2015 dalla precedente Giunta regionale con Presidente Ugo Rossi, perlopiù senza l'adozione di atti amministrativi. Ad esempio dal 2015 è stato fatto divieto alla biblioteca di acquistare nuovi libri, comunicando la decisione agli addetti della biblioteca in modo solo verbale. In seguito, e sempre con le stesse modalità, è stato deciso di disdire tutti gli abbonamenti alle riviste specializzate sulle minoranze e le autonomie, che costituivano una collezione unica in Italia su questi temi, interrompendo così collezioni che proseguivano da decenni. Ciò nonostante, nel bilancio regionale, la Giunta Rossi stanziava annualmente 125mila euro annuali per l'acquisto di libri e pubblicazioni da parte della biblioteca (anche per il 2020 e 2021, quando la biblioteca avrebbe dovuto essere già chiusa!). Inoltre il personale via via pensionatosi non è mai stato sostituito.

La deliberazione della Giunta regionale 224 del 19 dicembre 2018, proposta dall’assessore uscente Detomas (Assessore alle minoranze linguistiche), ne stabiliva la definitiva chiusura al 30 giugno 2019, nulla dicendo sui libri (circa 40mila) fino ad allora gestiti dalla Biblioteca e di proprietà della Regione.


Questa Giunta, sin dal suo insediamento nel marzo 2019, ha prima di tutto evitato l’imminente chiusura posticipandola al 31 dicembre 2019 (deliberazione 165 del 27 giugno 2019) e parallelamente ha avviato una discussione sul futuro della biblioteca. Un futuro che non ne contempla la chiusura.


Come Assessore regionale ho voluto portare avanti la linea di un ridimensionamento della biblioteca (in termini di quantità e tipologia di materiale posseduto, cedendo o eliminando materiale obsoleto, doppioni, riviste non specializzate o di scarso interesse) e allo stesso tempo di un suo potenziamento, non più come biblioteca generalista, ma operativa sui tre settori chiave che solo la Regione può curare: l’Autonomia con la sua storia e il suo presente, le minoranze linguistiche regionali ed europee, l’Ente Regione e le altre autonomie regionali in Italia ed Europa.


E’ in questa visione strategica che quella che era una biblioteca generalista in dismissione avanzata potrà diventare un vero e proprio Centro regionale per l’Autonomia, che in aggiunta al normale lavoro di prestito e consultazione nel prossimo futuro potrebbe arricchirsi ad esempio con ulteriori servizi informativi speciali o di ricerca. Colgo l’occasione per evidenziare che questa azione è in piena armonia con l’impegno per la salvaguardia dell’Ente Regione, non solo a parole, come avveniva sotto la precedente Giunta di centrosinistra".

Ultimo aggiornamento: 23/01/2020 00:02:27
POTREBBE INTERESSARTI
Mondiali della Vela Giovanile sul Garda per 418 velisti da 70 nazioni
Risultati e classifiche della manifestazione "alla ceca"
Indagini delle Procura, ipotesi legata alla droga
Doppia seduta di allenamento domani sul campo di Carciato a Dimaro Folgarida
ULTIME NOTIZIE
Saint Lary Soulan (Francia) - Tadej Pogacar (UAE) sempre più re del Tour de France: vince la 14^ tappa, partita da Pau e...