Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Trentino, rete riabilitativa: a Villa Rosa si sperimenta NeMO

sabato, 30 novembre 2019

Riva del Garda – Rete riabilitativa provinciale: a Villa Rosa si sperimenta NeMO. Era stato presentato poche settimane fa a Riva del Garda, nella cornice della XX Convention Scientifica Telethon. Stiamo parlando di NeMO, centro di avanguardia nella cura delle malattie neuromuscolari che decollerà la prossima primavera all’interno dell’ospedale riabilitativo Villa Rosa di Pergine Valsugana. Il nuovo centro potrà contare su 14 posti letto di ricovero ordinario per malattie neuromuscolari – neuroriabilitazione e di 4 posti letto in day hospital.

nemoLa Giunta provinciale, su indicazione dell’assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia, Stefania Segnana, ha autorizzato l’Azienda sanitaria ad avviare a Villa Rosa un programma di sperimentazione della durata di cinque anni: “Il centro prenderà in carico patologie fortemente invalidanti, come la SLA o le distrofie muscolari, e confidiamo che diventerà un punto di riferimento per pazienti non solo del Trentino Alto Adige, ma di tutto il Nord Est italiano – sono state le parole dell’assessore Segnana -. La presa in carico delle persone non autosufficienti è una problematica che ci sta particolarmente a cuore, per questo abbiamo accolto fin da subito questa proposta dando mandato all’Apss di concretizzarla”.

Nel corso del 2019 l’Azienda sanitaria ha proseguito e approfondito il confronto con Fondazione Serena, proponendo quindi lo studio di sostenibilità gestionale ed economica e uno schema di convenzione, che prevede i reciproci impegni nell’ambito del perseguimento di comuni obiettivi, sia in termini di valorizzazione dell’Ospedale Villa Rosa come polo di eccellenza provinciale ed extraprovinciale – attraverso l’adozione del modello clinico assistenziale NeMO – sia in termini di promozione dello studio e della ricerca nel campo delle patologie neuromuscolari e muscolari.

La proposta prevede dunque la realizzazione in provincia di Trento di un nuovo centro NeMO che, in rete con gli altri Centri attivi sul territorio e attraverso l’applicazione e la messa a disposizione del know how di Fondazione Serena, garantirà alcune importanti azioni nell’ambito delle patologie muscolari e neurodegenerative quali:

- il trattamento – anche in un’ottica riabilitativa – delle gravi disabilità neuromotorie sin dall’età evolutiva;
- la presa in carico globale del paziente in un’ottica di umanizzazione delle cure e con il coinvolgimento di una equipe multi professionale dotata di competenze specifiche ;
- la continuità assistenziale, terapeutica e riabilitativa del paziente in una prospettiva di long term care;
- la promozione dello studio e della ricerca nel campo delle patologie neuromuscolari e muscolari.

L’attività sarà erogata presso l’Ospedale Villa Rosa di Pergine Valsugana mediante l’attivazione di 14 posti letto di ricovero ordinario per malattie neuromuscolari – neuroriabilitazione, di 4 posti letto in day hospital destinati alla neuro riabilitazione, nonché di ambulatori multidisciplinari per le branche specialistiche di neurologia, pneumologia, medicina fisica riabilitativa e neuropsichiatria infantile.

Centro Clinico NeMO (NeuroMuscular Omnicentre)
Si tratta di un centro clinico ad alta specializzazione, pensato per rispondere in modo specifico alle necessità di chi è affetto da malattie neuromuscolari come la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), le distrofie muscolari e l’Atrofia Muscolare Spinale (SMA), patologie che interessano attualmente circa 40.000 persone in tutto il Paese. Il Centro Clinico NeMO ha seguito nel 2018 oltre 3.800 persone, erogato oltre 7.790 prestazioni e dispone di 68 posti letto dedicati al ricovero e 10 posti letto per i servizi di Day Hospital. Oggi conta quattro sedi sul territorio nazionale: Milano, Arenzano (Genova), Messina e Roma; a queste si aggiungerà il centro che sarà attivato all’interno dell’ospedale riabilitativo Villa Rosa di Pergine Valsugana.
Al Centro Clinico NeMO trentino si effettueranno diverse attività, a partire dalla valorizzazione dell’esperienza clinica e riabilitativa presente nell’ospedale Villa Rosa: dalla diagnosi, ai trattamenti terapeutici e riabilitativi attraverso programmi individualizzati di fisioterapia neuromotoria, respiratoria, logopedica per disturbi del linguaggio e della deglutizione, di terapia occupazionale per il recupero e/o mantenimento delle capacità di eseguire attività della vita quotidiana e, ancora, di idrochinesiterapia grazie alle piscine presenti in ospedale, fino alla realizzazione di progetti tecnologici individualizzati per lo sviluppo e il mantenimento quanto più a lungo possibile dell’autonomia nel proprio contesto di vita. Sarà inoltre predisposto per effettuare ricoveri ordinari, servizi ambulatoriali ad alta specializzazione (per neurologia, pneumologia, medicina fisica riabilitativa e neuropsichiatria infantile) e day hospital.

L’avvio del progetto è stato reso possibile grazie al supporto delle associazioni dei pazienti, soci del Centro Clinico NeMO: Fondazione Telethon, Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM), Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica (AISLA Onlus), Associazione Famiglie SMA Onlus, Associazione Slanciamoci e Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136