Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Ponte Tibetano in Val Grande, il progetto divide Vezza d'Oglio

Vezza d'Oglio (Brescia) - Illustrato lo studio di fattibilità del "ponte tibetano". In un'affollata assemblea al Centro Eventi Adamello di Vezza d'Oglio (Brescia) è stato svelato dal progettista, ingegner Francesco Belmondo, il piano per realizzare "il ponte tibetano" sulla falsariga di quanto realizzato a Dossena, in provincia di Bergamo, lo scorso anno.


Il sindaco di Vezza d'Oglio, Diego Occhi, ha spiegato come il "ponte tibetano" fosse inserito nel programma elettorale del 2019, con altri interventi (piazzale, bretella tra il Cento eventi e la statale 42 ndr) e per valutarne la fattibilità è stato affidato l'incarico all'ingegner Francesco Belmondo che durante la serata ha indicato le caratteristiche del progetto del ponte tibetano in Val Grande tra le località Grano e Tù, lungo 465 metri, con il punto più alto di 70 metri e otto funi trainanti attraversabile da tutti. "Per questo motivo - ha affermato l'ingegner Belmondo - è improprio chiamarlo ponte tibetano, ma sarebbe una passerella accessibile a tutti, senza imbragature, come quello di Dossena". Il costo di realizzazione del "ponte" della Val Grande, distante un chilometro dal Parco dello Stelvio e due chilometri dal Parco dell'Adamello, è così articolato: un milione dal Parco dello Stelvio, 500 mila euro da altri enti e 500mila euro da parte del Comune.


Durante la serata il direttore del Consorzio Ponte di Legno, Michele Bertolini, ha tracciato un ampio quadro sulle attività che sono state portate avanti dal 2017, per ampliare l'offerta turistica e rendere ancora più attrattivo il comprensorio dell'Alta Valle Camonica e Tonale, da Paradise Music al Water Music festival e tanti eventi enogastronomici che sono stati apprezzati dai turisti. Inoltre ha presentato, con una trentina di immagini, esperienze che vengono proposte in altre realtà turistiche.

"Quello che serve a noi - ha spiegato Michele Bertolini - è una manutenzione sistematica del territorio, sentieri per escursionisti e bike, e offrire proposte attrattive legate alla nostra cultura gastronomica perché chi sceglie di trascorrere la vacanza sul nostro territorio cerca qualcosa di particolare e in quest'ottica dobbiamo far vivere agli ospiti nuove esperienze ed emozioni". "Le nuove iniziative - conclude Bertolini - vanno in questa direzione per migliorare l'attrattività turistica del nostro territorio".


Il sindaco Diego Occhi ha inoltre illustrato il business plan con la possibilità di assumere due persone nei mesi di apertura e con una stima prudenziale di 40-45 mila passaggi l'anno ci potrebbe essere un fatturato di 150-200mila euro.


Nel dibattito sono intervenuti Anna Giorgi ed Elena Bonavetti di "Vezza sostenibile", che hanno evidenziato e criticato alcuni aspetti del progetto. "Il referendum che si terrà il prossimo 25 giugno - ha detto Anna Giorgi - è una conquista democratica e noi abbiamo dato voce, al di fuori dalla politica, alle persone che chiedevano di avere informazioni sul ponte tibetano". Inoltre sono state snocciolate le cifre delle consulenze affidate dal Comune di Vezza d'Oglio a professionisti per i vari studi che si avvicinano a 80mila euro. "Qui - secondo Anna Giorgi - va creato un turismo sostenibile e valorizzare il territorio non con opere faraoniche". Invece Elena Bonavetti ha posto l'accento su come raggiungere la Val Grande, auto e parcheggi: "Perché stasera - ha chiesto - non avete fatto riferimento a come raggiungere la zona, oppure a come gestire la compatibilità con la caccia e l'agricoltura in Val Grande con l'afflusso in periodo autunnale". Altra questione che sarà fondamentale per l'opera, sarà il parere della Sovrintendenza. "Ma siete proprio sicuri di fare quest'opera?", è la domanda posta da Elena Bonavetti. Sono poi intervenuti assessori e un consigliere di minoranza, quest'ultimo ha posto l'accento sul costo a carico del Comune: 500mila euro. Tra un mese - il 25 giugno - i cittadini di Vezza d'Oglio saranno chiamati alle urne e con il referendum potranno esprimere il loro giudizio sul progetto del ponte tibetano.


di Angelo Panzeri
Ultimo aggiornamento: 25/05/2023 02:22:59
POTREBBE INTERESSARTI
Le previsioni del meteorologo Lukas Rastner
A cura di Daniela Ferrari a Maso Spilzi fino al 29 settembre
Riconoscimento assegnato alla presenza dell'assessore provinciale Simone Marchiori
ULTIME NOTIZIE
Lo stadio di Carciato ospita il confronto con l’Anaune Val di Non
Nella sede del Coni la cerimonia: l'elenco dei "rappresentanti" della provincia a Parigi 2024
I fatti del 5 giugno 1999 sarebbero legati al giro delle scommesse clandestine