Informativa

Noi e terze parti selezionate utilizziamo cookie o tecnologie simili per finalità tecniche e, con il tuo consenso, anche per le finalità di esperienza, misurazione e marketing (con annunci personalizzati) come specificato nella cookie policy. Il rifiuto del consenso può rendere non disponibili le relative funzioni.
Usa il pulsante “Accetta” per acconsentire. Usa il pulsante “Rifiuta” per continuare senza accettare.

-

Maxi-esercitazione di Protezione Civile nel Bresciano

Pisogne (Brescia) - Maxi-esercitazione di Protezione Civile sul Sebino Bresciano e Franciacorta nel weekend, con duemila volontari in campo per testare la capacità di intervento del sistema di Protezione Civile nei Comuni di Gussago (campo base, segreteria principale e mensa), Orzinuovi, Rudiano, Soncino, Erbusco, Paratico, Cortefranca, Sale Marasino, Pisogne, Ospitaletto, Capriolo, Ome, Passirano, Rodengo Saiano e Cellatica.


La maxi-esercitazione è organizzata dalla Provincia con il Comitato di Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato bresciano: due giornate dedicate alle prove di soccorso per testare le capacità di intervento e risposta del sistema di Protezione Civile. A Gussago sarà allestito il campo base, la segreteria principale e la mensa. Gli scenari previsti sono quelli di rischio antincendio boschivo, rischio idrogeologico, di soccorso nautico e di ricerca di persone scomparse con il supporto delle unità cinofile. Oltre alle prove di soccorso, si terranno anche dei corsi sulle principali criticità ambientali degli ultimi anni: trentasette volontari, ad esempio, saranno impegnati in quello per capo squadra AIB prima a Gussago e poi sulle colline di Cellatica.


Oggi e domani, due giornate dedicate alle prove di soccorso per testare le capacità di intervento e risposta del sistema di Protezione Civile.

Le attività vedranno impegnati in diversi Comuni della provincia di Brescia circa 2000 volontari negli scenari di rischio antincendio boschivo, rischio idrogeologico, di soccorso nautico e di ricerca di persone scomparse con il supporto delle unità cinofile.
Per la realizzazione della prova di soccorso, l’ufficio Protezione Civile della Provincia di Brescia ha condiviso e supportato il CCV sezione di Brescia nella preliminare stesura del programma dell’evento e ha attivato la propria colonna mobile, uomini e mezzi, con particolare riferimento alle cucine da campo e, in linea generale, alla logistica di base.


Siamo soddisfatti - ha dichiarato il presidente della Provincia di Brescia, Emanuele Moraschini (quarto da sinistra) - di aver organizzato, insieme al CCV e CV Brescia, queste due importanti giornate di formazione. Abbiamo ricevuto una risposta positiva dal territorio, la cui proattività è testimoniata dal fatto che le iscrizioni ricevute hanno superato di gran lunga il numero minimo di iscritti imposto dagli standard formativi di Regione Lombardia. Ancora una volta, quindi, la Provincia di Brescia si dimostra un Ente fondamentale per il coordinamento a livello locale e per la raccolta delle esigenze del territorio, anche quando si tratta di affrontare le emergenze".


Oltre alle prove di soccorso destinate a tutte le ODV, nelle due giornate sono stati attivati i seguenti corsi:
1 corso capo squadra AIB promosso unitamente a Comunità Montana Sebino Bresciano per 37 volontari;
2 sessioni di corso idrogeologico alluvionale per complessivi 87 volontari;
1 corso per cucina in emergenza per volontari che operano nelle cucine da campo in caso di calamità per 15 volontari.


CORSO PER CAPI SQUADRA AIB
Nel corso del 2023, la Provincia di Brescia, in collaborazione con la Comunità Montana Sebino Bresciano, ha attivato un programma di corsi destinati ai Capi Squadra AIB.
Oggi a Gussago, si svolgeranno le attività legate all'elicooperazione durante gli incendi boschivi, (imbarco-sbarco, confezionamento rete per trasporto eventuale materiale);
Nel pomeriggio, sulle colline di Cellatica, si svolgerà l’attività addestrativa relativa alla verifica/studio di ipotetici scenari relativi agli incendi boschivi ed impiego delle attrezzature dedicate.


CORSO D’INTERVENTO IDROGEOLOGICO ALLUVIONE
Il corso per la specializzazione idrogeologica ha visto nel mese di marzo 3 diversi incontri con conclusione nella giornata odierna sugli scenari proposti. Nel dettaglio, i volontari parteciperanno alla formazione sul tema dei DPI legati al rischio idrogeologico e di sicurezza sugli interventi operativi e sul funzionamento delle motopompe-elettropompe. Nel pomeriggio, verranno proposte le attività pratiche sui temi affrontati nella mattinata con un test finale.


CORSO CUCINA IN EMERGENZA
Il corso cucina vedrà i volontari, che si stanno formando, sperimentare le nuove competenze acquisite in affiancamento ai volontari esperti di colonna mobile che già operano nelle cucine da campo di provincia di Brescia.
Domenica 19 marzo, inoltre, con il supporto di Soccorso Alpino, verrà ripresa l’attività pratica per volontari già formati con corso di "ricerca persona scomparsa", per un ripasso delle corrette procedure e metodologie in caso di ricerca.

Ultimo aggiornamento: 18/03/2023 00:05:06
POTREBBE INTERESSARTI
Renon (Bolzano) - I carabinieri di Renon incontrano gli anziani del paese. Nei giorni scorsi i militari della Stazione...
Il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, ha incontrato il ministro Pichetto Fratin
Grazie al progetto portato avanti da AquiLab e liceo delle arti di Trento e Rovereto
Trento - Ultimo saluto ad Annamaria Frioli, vittima di un incidente in via Maccani a Trento. La donna, di 70 anni, era...
Incontro a Palazzo Trentini con il presidente Claudio Soini
ULTIME NOTIZIE