Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Ristoranti bresciani: conference call per una “situazione drammatica”

martedì, 3 novembre 2020

Brescia - Ristoranti bresciani: conference call per una “situazione drammatica”. Oggi la riunione virtuale è stata organizzata dalla Prefettura di Brescia con la presenza di rappresentati delle associazioni di categoria Confcommercio Brescia, FIPE, Confesercenti, l’associazione Dietro di Noi, Italgrob e Arthob.

Presentato il progetto dell’associazione Dietro di Noi – con 1800 commercianti – per rimodulare gli orari di chiusura degli esercizi commerciali attualmente aperti fino alle 18. L’intera filiera in lockdown ha perdite per il 75%, con una diversa articolazione degli orari ne recupererebbe il 60%.

Nell’ambito della discussione è emersa la drammaticità della situazione, che tocca anche i ristori previsto dall’ultimo decreto che non contempla diverse tipologie del settore del commercio, nonché la questione fiscale. E’ emersa la volontà di arrivare a un documento unico propositivo da parte di tutte le associazioni di categoria, indipendentemente dal settore.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136