Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Internet: croce e delizia della nostra vita

mercoledì, 7 marzo 2018

Se ci fermiamo per un secondo a pensare a quante ore trascorriamo al giorno su internet – attraverso il PC o lo smartphone – ci rendiamo conto di come la rete condizioni, in senso positivo ed in senso negativo, la nostra vita. La rete, dunque, come strumento sociale da utilizzare e sfruttare nel modo giusto, senza però cadere nella trappola di malintenzionati vari che purtroppo circolano sul web.

digitale

 

C’è da dire che Internet, nel corso degli anni, ha rivoluzionato il nostro modo di lavorare introducendo anche altre forme di lavoro e figure professionali come leggiamo sul blog di eFax Italia. Questo ha agevolato, non poco, i tanti giovani che hanno così avuto la possibilità di avvicinarsi al mondo del lavoro in modo più semplice e immediato, sfruttando potenzialità impensabili fino a qualche anno fa.

Il web ha favorito sia i privati che le aziende, visto che questi ultimi riescono a fare cose in minor tempo e spesso a costo inferiore. Senza dimenticare le tante innovazioni che hanno semplificato il lavoro di tanti professionisti. Grazie ad internet, poi, è più semplice informarsi, fare acquisti convenienti e – perchè no – godersi una città sconosciuta senza il pericolo di ‘’perdersi’’.

Il lato negativo di internet

Non solo cose positive, però, nel mondo di internet. I rapporti sociali, ad esempio, sono radicalmente cambiati con l’avvento dei social network. Certo, oggi è più semplice rimanere in contatto con gli amici e parlarci in qualsiasi momento della giornata, ma si è perso quel gusto di incontrarsi e dare due calci al pallone, oppure fare una passeggiata improvvisata senza avere il senso di controllare ogni dieci minuti lo smartphone.

I giovani, quindi, sono sempre più connessi e questo non sempre è sinonimo di positività. Secondo una ricerca Censis, infatti, Il 52,7% degli 11-17enni nel corso dell’anno ha subito comportamenti offensivi, non riguardosi o violenti da parte dei coetanei. La percentuale sale al 55,6% tra le femmine e al 53,3% tra i ragazzi più giovani, di 11-13 anni. Quasi un ragazzo su cinque (19,8%) è oggetto di questo tipo di soprusi almeno una volta al mese, eventualità più ricorrente tra i giovanissimi (22,5%). Su internet sono le ragazze a essere oggetto in misura maggiore degli attacchi dei coetanei cybernauti (24,9%). Si tratta del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo che trova terreno fertile sulla rete e che, purtroppo, negli ultimi anni ha avuto uno sviluppo preoccupante all’interno della nostra società.

Altro fattore negativo da tenere in considerazione riguarda i rischi che si possono correre sul web, come ad esempio quelli legati alla privacy o al rischio truffe se acquistiamo sul web su siti poco sicuri.

Quel che è certo è che internet va visto come una risorsa e non come un problema. Basta, dunque, utilizzarlo nel modo corretto per trarne enorme vantaggio sia nella vita privata che in quella che riguarda la sfera lavorativa di ogni individuo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136