Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Dopo i danni dell’alluvione Ono San Pietro e Cerveno rialzano la testa

lunedì, 3 febbraio 2020

Ono San Pietro – Dopo la riapertura del ponte sul torrente Blè, Ono San Pietro e Cerveno (Brescia) guardano agli interventi per la sistemazione e ripristino dell’area interessata da colate detritiche. I due Comuni interessati dall’esondazione del torrente Blé il 6 agosto scorso hanno ottenuto il riconoscimento dal Consiglio dei ministri dello stato di emergenza e i finanziamenti per le prime opere.

torrente Blè - Ono San PietroUno dei principali problemi era rappresentato dalla viabilità e, dopo le opere di somma urgenza post alluvione, il primo passo è stato posizionare il ponte Bailey sul torrente Blè per ripristinare la viabilità tra Ono San Pietro e Cerveno. Il ponte, utilizzato a Ceto (Brescia) fino a poche settimane fa, si è reso disponibile, quindi è stato trasportato e montato sul torrente Blè: ora il traffico è consentito – in base all’ordinanza dei due Comuni – a senso unico alternato per mezzi con peso inferiore a 30 tonnellate  e ad una velocità massima di 10 chilometri orari.

In futuro ne verrà realizzato uno nuovo e la pianificazione delle opere sarà definita in un incontro che vedrà coinvolte le due Amministrazioni comunali, la Protezione civile nazionale e regionale per valutare gli interventi prioritari.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136