Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Problema grandi carnivori: 100 orsi e 80 lupi in Trentino, cresce la preoccupazione

giovedì, 27 agosto 2020

Andalo – Una situazione non più sostenibile. E’ il grido d’allarme lanciato – per l’ennesima volta, e le precedenti non fanno ben sperare – all’unisono dagli amministratori della Val di Fiemme e della Valsugana, insieme ai rappresentanti del mondo agricolo e zootecnico, che hanno partecipato ai lavori del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, convocato quindici giorni fa dal prefetto Lombardi per affrontare la questione dei lupi in Trentino ed esteso, dopo quanto accaduto ad Andalo sabato scorso, anche alla problematica degli orsi. Ed è stato proprio il sindaco di Andalo, presente all’incontro, a comunicare che la scorsa notte un altro plantigrado si aggirava per il centro abitato del paese, per nulla spaventato dai vigili del fuoco che lo hanno seguito ed illuminato con un faro.

orso m49Il presidente della Provincia, al riguardo, ha annunciato che domani verrà emessa un’ordinanza di cattura per questo esemplare che la Forestale e le strutture della Provincia stanno cercando di identificare. “La situazione è sempre più preoccupante – ha detto al termine del Comitato il presidente – in quanto, come ci hanno confermato gli amministratori locali, anche i lupi adesso mostrano un atteggiamento confidente e non sembrano avere paura dell’uomo. Noi non possiamo più aspettare, perché abbiamo la responsabilità di tutelare l’incolumità dei cittadini. Abbiamo fatto presente ai rappresentati dello Stato quanto sia alto il rischio per le persone. Abbiamo bisogno di spazi in cui mettere gli orsi che catturiamo e il Ministero, fino ad oggi, non ci ha dato alcuna risposta. Non possiamo più attendere, per capire che sono pericolosi, che attacchino una persona. Questo, come presidente della Provincia, non posso accettarlo, il Ministero ci deve aiutare”.

I sindaci di Castello Molina di Fiemme e di Telve di Sopra e il presidente della Comunità territoriale della Val di Fiemme, hanno evidenziato come vi sia oramai fra gli imprenditori agricoli e anche fra la popolazione, una sorta di scoramento per quanto sta accadendo, chiedendo che si possano incrementare le azioni di dissuasione messe in campo negli ultimi mesi, che hanno comunque prodotto alcuni risultati, almeno sul fronte dei lupi, visto che numericamente gli attacchi al patrimonio zootecnico erano diminuiti fino a poche settimane fa.

Infine i dati. In Trentino si contano 13 branchi di lupi per un totale di circa 80 esemplari in forte incremento negli ultimi anni. Mentre gli orsi, con i cuccioli, sono ormai vicini alle 100 unità.

Il Commissario del Governo, Sandro Lombardi ha annunciato che relazionerà al Ministro sull’ennesimo allarme raccolto dal Comitato per l’ordine e la sicurezza e che organizzerà a breve un incontro con i tecnici dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale per verificare quali soluzioni siano percorribili.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136