Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Pejo, lungo intervento di soccorso sul Monte Vioz. Sulle Dolomiti di Brenta 42enne recuperato sul Piz Galin

venerdì, 28 agosto 2020

Pejo – Due interventi di soccorso in Trentino: il più articolato sul monte Vioz, nel gruppo Ortles Cevedale. Si è concluso verso le 22.20 un complesso intervento per soccorrere una donna del 1970 e residente a Roma, che ha avuto un problema al ginocchio mentre stava scendendo lungo il sentiero che dal rifugio Vioz porta al Doss dei Gembri (gruppo Ortles Cevedale), a una quota di circa 2.900 m.s.l.m. La chiamata al Numero Unico 112 è arrivata verso le 18.15 dal compagno di escursione.

soccorso alpinoIl coordinatore dell’Area operativa Trentino occidentale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l’intervento dell’elicottero che, tuttavia, non ha potuto portare a termine il recupero a causa della nebbia fitta presente in quota. Quattro operatori della Stazione Pejo hanno raggiunto Doss dei Gembri con la Geep per effettuare il recupero da terra, sono stati imbarcati a bordo dell’elicottero e trasportati fino al limitare delle nebbie a una quota di circa 2.500 m.s.l.m.. I soccorritori hanno raggiunto a piedi l’infortunata in circa 40 minuti e dopo averla stabilizzata e imbarellata la hanno trasportata a spalla fino a valle con la barella portantina. In questa operazione i quattro operatori sono stati aiutati da altri quattro soccorritori della Stazione Pejo, che nel frattempo erano saliti a piedi da Doss dei Gembri per dare supporto. Una volta arrivati a Pejo Fonti, la donna è andata in ospedale in autonomia insieme al compagno.

Intervento complesso sul Piz Galin (Dolomiti di Brenta)

Nella giornata di ieri un altro intervento particolarmente complesso sul Piz Galin (Dolomiti di Brenta) per il recupero di un escursionista di 42 anni che ha perso la traccia del sentiero e si è trovato in una zona estremamente impervia caratterizzata da salti di roccia, a una quota di circa 2.200 m.s.l.m.. Impossibilitato a proseguire autonomamente, ha chiesto aiuto al Numero Unico per le Emergenze 112 verso le 16.30.

Il coordinatore dell’Area operativa Trentino centrale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l’intervento della Guardia attiva di Molveno e della Guardia attiva di Fai della Paganella per soccorrere l’uomo via terra, considerata anche la scarsa visibilità in quota dovuta alla presenza di nebbia. La Guardia attiva di Molveno – poiché nel frattempo quella di Fai della Paganella è stata deviata su un altro intervento – è stata imbarcata a bordo dell’elicottero al rifugio Montanara per essere portata il più vicino possibile all’escursionista. Durante il sorvolo, però, è stato possibile constatare che l’uomo si trovava in un luogo estremamente ripido in mezzo alle rocce e pericoloso da raggiungere a piedi. È quindi intervenuto l’elicottero con a bordo il Tecnico di Elisoccorso che è stato verricellato sull’escursionista, in difficoltà ma incolume. Una volta recuperato a bordo del velivolo, l’uomo è stato trasportato ad Andalo senza il bisogno di essere trasferito in ospedale.

Il Soccorso Alpino e Speleologico Trentino raccomanda di prestare la massima attenzione durante le escursioni nel seguire i sentieri segnalati e di evitare di allontanarsi dai percorsi battuti.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136