Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Incidente ferroviario a Lodi, domani sciopero anche in Trentino

giovedì, 6 febbraio 2020

Trento – Incidente ferroviario a Lodi, domani sciopero anche in Trentino. Si fermano per solidarietà anche i dipendenti che operano in provincia Montani (Filt): “Il tema della sicurezza è una priorità che non può essere sottovalutata”.

MOBILITAZIONE IN TRENTINO

Dopo il drammatico incidente ferroviario di questa mattina in cui hanno perso la vita due macchinisti Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl, Fast e ORSA hanno proclamato due ore di sciopero, dalle 12 alle 14, per il personale del Gestore Infrastruttura nazionale, delle imprese ferroviarie che svolgono servizio di trasporto passeggeri e merci e delle società che svolgono servizi in appalto a bordo treno quali pulizia, servizi di ristorazione e accompagnamento treni notte. Alla mobilitazione aderiscono anche i lavoratori che operano in Trentino, ad eccezione dei dipendenti di Trentino Trasporti che operano sulla tratta della Valsugana che non possono partecipare per questioni contrattuali, ma esprimono comunque piena e totale solidarietà alle famiglie delle vittime. Filt Cgil del Trentino ribadendo la totale vicinanza ai familiari dei due macchinisti rimasti uccisi e ai feriti ribadisce ancora una volta l’importanza della sicurezza delle linee ferroviarie e dei mezzi che vi circolano. “Da anni ormai che poniamo al centro dell’attenzione tale tematica tanto da aver già condotto e programmato incontri tecnici con rete ferroviaria italiana riguardante la sicurezza delle linee frequentate dai lavoratori e utenti della nostra provincia”, sottolineano il segretario provinciale Stefano Montani e Alberto Sicari che segue il settore per la Filt. I sindacati hanno chiesto alle imprese ferroviarie coinvolte nello sciopero che gli importi trattenuti dalle buste paga dei lavoratori vengano devoluti ai familiari delle vittime di questo gravissimo incidente.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136