Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Calcio, Dilettanti: primi annullamenti, salta la Coppa Italia di Serie D

giovedì, 10 settembre 2020

Trento – Con le regole attualmente in vigore, i meccanismi di quarantena e le disposizioni delle istituzioni, sport e calcio dilettantistico rischiano di vedersi stravolgere anche la prossima stagione dopo aver concluso anzitempo quella appena trascorsa. L’inizio posticipato rispetto al calendario classico e le norme anti-Covid non fanno ben sperare, il primo provvedimento è arrivato oggi con l’annullamento della Coppa Italia di Serie D.

TRENTO: “DISPIACIUTI MA DECISIONE LUNGIMIRANTE”

La Coppa Italia di serie D, almeno per questa stagione, non si disputerà. Lo ha stabilito il Dipartimento Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti, al fine di garantire il regolare start del campionato, previsto per domenica 27 settembre. Tale data non dovrebbe subire variazioni, mentre le gare valevoli per il turno preliminare di Coppa Italia sarebbero state certamente posticipate, rendendo il calendario eccessivamente intasato, soprattutto per le formazioni che avrebbero dovuto disputare le partite in trasferta.

“Siamo ovviamente dispiaciuti – questo il commento del Direttore Generale del Trento Fabrizio Brunialti – perché, da sempre, la Coppa Italia è una vetrina importante per le società, ma considero la decisione assunta dal Dipartimento Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti come saggia e lungimirante. Rinviare di una settimana le gare di Coppa Italia e, conseguemente, far slittare l’inizio del campionato al 4 ottobre avrebbe causato non pochi problemi nella stesura dei calendari: sarebbe aumentato il numero dei turni infrasettimanali e la “convivenza” tra torneo e Coppa Italia, soprattutto per le formazioni che avessero proseguito il cammino nella manifestazione, sarebbe diventato quasi impossibile. La situazione che stiamo vivendo è – purtroppo – assoltamente straordinaria e, dunque, dobbiamo avere grande spirito di adattamento. Mi auguro altresi che, visto il rinvio alla prossima stagione della Coppa Italia, le risorse che avrebbero dovuto essere impiegate per la manifestazione vengano destinate alle società, alle prese in questo momento con protocolli sanitari impegnativi, sia dal punto di vista economico che organizzativo”.

Di seguito la nota ufficiale della Lega Nazionale Dilettanti: “La Coppa Italia Serie D è ufficialmente rinviata alla stagione 2021/2022. La decisione è scaturita dalla necessità di attendere gli esiti dei procedimenti presso la giustizia sportiva che definiranno nei prossimi giorni la composizione degli organici professionistici e di conseguenza della Serie D.

Il Dipartimento Interregionale della LND ha così disposto il rinvio della competizione per garantire l’ottimale svolgimento del campionato, il cui inizio è confermato per domenica 27 settembre, anche in ragione delle nuove norme sanitarie previste per l’organizzazione delle gare”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136