Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Ponte di Legno, riaperta la Statale 42 del Tonale

giovedì, 10 dicembre 2020

Ponte di Legno – Anas ha riaperto al transito il versante camuno della strada statale 42 “del Tonale e della Mendola” dal km 139,600 al km 147,846 nel territorio di Ponte di Legno (Brescia).

passo tonale panoramaVisto l’esito positivo del sopralluogo effettuato dai tecnici incaricati, Anas ha eseguito lo sgombero neve e il trattamento antigelo della sede stradale, chiusa al traffico a partire dalla serata di domenica 6 dicembre a seguito delle avverse condizioni meteo, per rischio slavine.

Anas ricorda che è in vigore l’obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali sulle strade statali maggiormente esposte al rischio di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio durante la stagione invernale. Il dettaglio delle tratte interessate dal provvedimento è disponibile al link www.stradeanas.it/it/piani-interventi.

Inoltre è stato riparato il guasto ai ripetitori del Corno d’Aola e così, in alta Valle Camonica i cellulari, internet e telefoni fissi, muti da giorni, hanno ripreso a funzionare. Da risolvere i problemi sulla linea elettrica in alcune vie di Ponte di Legno, servite da generatori, e dell’alimentazione delle centrali e delle dighe in Val d’Avio. Inoltre alcuni alberi sono stati abbattuti sopra l’area faunistica di Pezzo e a lato della strada che unisce Pezzo a Case di Viso.

E’ ancora chiusa la Provinciale 345 del Crocedomini, la strada per Montecampione 1800 e la Valpalot-Colle San Zeno. All’interno del centro faunistico di Paspardo un grosso castagno, nello schiantarsi, ha trascinato un pezzo di strada che conduce al centro, ora raggiungibile solo a piedi. Anche a Cevo è stata emanata un’ordinanza che chiude gran parte delle strade montane per il pericolo di valanghe e per il ghiaccio.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136