Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Incidenti stradali per animali selvatici, le richieste di Dellapiccola (Patt)

venerdì, 9 ottobre 2020

Trento – Troppi incidenti stradali per animali selvatici, intervento del consigliere provinciale Michele Dallapiccola (Patt) per una problematica sempre più rilevante anche nel territorio trentino.

Nel suo intervento in Consiglio provinciale, il consigliere Michele Dallapiccola è partito “dalla considerazione della diffusione e costante aumento del problema dell’investimento di animali selvatici ed ha chiesto alla Giunta se vi siano in atto progetti di implementazione della sicurezza attiva stradale atti a contenere il problema citato o in caso contrario se la Giunta intenda attivarli”.

L’assessore Mattia Gottardi ha detto che va rilevato “i dati raccolti sui dispositivi per avvisare gli automobilisti non sono ancora sufficienti per ingegnerizzare queste strutture che, tra l’altro, possono venir facilmente danneggiati anche dai lavori stradali. Nel breve medio periodo, ha aggiunto, è prevista una ricognizione dei tratti a rischio per valutare l’efficacia dei dispositivi e ha ricordato che si stanno sperimentando altre soluzioni tecniche per richiamare l’attenzione degli automobilisti”.

Recinti orsi - DallapiccolaLa replica di Dallapiccola (nella foto a destra): “Quando era in Giunta, si era avviato uno studio su sistemi di protezione ma c’è un’università, ci sono tavoli tecnici, centri tecnologici, che potrebbero dare una mano ad affrontare questo tema. I dati, ha aggiunto, ci sono già sui corridoi di attraversamento degli animali e quindi si tratterrebbe di impegnarsi nel concreto e non limitarsi a fare quello che è stato avviato dalla Giunta precedente”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136