Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
w

Ad
Ad
 
Ad


Chiusura di bar, ristoranti e palestre scolastiche: dietrofront del Trentino, firmata la nuova ordinanza

lunedì, 2 novembre 2020

Vermiglio – Il Trentino fa dietrofront e dopo una settimana di misure diversificate rispetto a quelle del Governo, si allinea alle regole nazionali: chiusura di ristoranti e bar alle 18, sospesa l’attività nelle palestre delle scuole.

Fugatti 1Nuova ordinanza – è la numero 52 – firmata ieri in tarda serata dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, in materia di misure per contrastare il Coronavirus. Il provvedimento riguarda nello specifico gli orari di apertura di ristoranti, bar, pasticcerie e gelateria, da una parte e l’utilizzo della palestre per l’attività didattica dall’altra. Sul tema la Giunta aveva sentito le categorie interessate.

La nuova ordinanza rende coerenti e omogenee con le misure statali le decisioni assunte nei giorni scorsi dalla Giunta “considerata l’interlocuzione istituzionale a tutti i livelli di governo tenutasi nelle ultime ore in vista, tra l’altro, dell’adozione di un nuovo Dpcm per contrastare la recrudescenza della pandemia da Covid-19, sebbene in Trentino gli indici sanitari risultino stabili”. Da oggi, pertanto, chiusura di ristorazione e bar alle 18 e sospensione delle attività delle “palestre” all’interno degli istituti scolastici.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136