QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ponte di Legno: “il viadotto sul Narcanello è sicuro”, i dirigenti Anas rassicurano sindaci e comunità camuna

mercoledì, 10 maggio 2017

Ponte di Legno – “I danni al viadotto non sono strutturali”. Dopo le polemiche delle scorse settimane e gli scambi di lettere tra il sindaco di Ponte di Legno, Aurelia Sandrini, e Anas sul viadotto “lesionato” sul torrente Narcanello a Ponte di Legno, i dirigenti Anas, gli ingegneri Dino Vurro e Marco Bosio, hanno detto ai sindaci presenti all’incontro di Sonico: “Non ci sono pericoli per un crollo”. Infatti secondo i due dirigenti, il viadotto si presenta in pessime condizioni, ma in base ai carichi e controlli effettuati non c’è il pericolo di un crollo.

Ponte NarcanelloL’incontro di Sonico con i dirigenti Anas, è servito al presidente della Provincia di Brescia, Pierluigi Mottinelli, e ai  sindaci presenti, Gian Battista Pasquini di Sonico, Giovan Maria Rizzi di Vezza d’Oglio, Mauro Testini di Vione, ai vicesindaci di Edolo e Corteno Golgi e all’assessore della Comunità Montana Valle Camonica, nonché sindaco di Paspardo, Fabio De Pedro, di far presente la carenza nella manutenzione ordinaria. Infatti, oltre al caso del viadotto di Ponte di Legno, c’è il problema delle buche presenti in alcuni tratti della statale 42 del Tonale tra Edolo e Temù, con parapetti e guard rail divelti. Gli amministratori camuni hanno chiesto una maggior attenzione e interventi di manutenzione ordinaria. I due dirigenti Anas hanno indicato un piano straordinario di opere “ordinarie” che saranno effettuate nel periodo estivo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136