QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Adamello Altare degli Alpini, Impronta Camuna vuole il tricolore nonostante il ‘no’ del Parco: “Non ci fermiamo”

sabato, 26 agosto 2017

Passo Tonale – Impronta Camuna rilancia il progetto del tricolore in Adamello dopo il parere negativo del Parco dell’Adamello. ad2Impronta Camuna ha deciso di incaricare gli ingegneri Spiranti e Riva per la loro conoscenza ed esperienza di opere eseguite in alta montagna: vedi la ‘passerella dei fiori’. Il progetto prevede la temporaneità, e le modalità sono scaturite dopo un incontro con la dirigenza del parco, rendendosi noi disponibile a rispettare in modo scrupoloso ogni norma. Il parere del parco segna indelebilmente un precedente che non ferma la nostra determinazione. Riunirò al più presto il Comitato promotore per le valutazioni e poi il direttivo di Impronta Camuna. Non retrocediamo a un’iniziativa che vuole valorizzare la Valle Camonica, portando le sue peculiarità industriali, turistiche e commerciali all’attenzione nazionale”, dichiara Roberto Bontempi (foto sotto), presidente dell’associazione Impronta Camuna. Nonostante la mancanza di autorizzazione, è confermata anche la disponibilità di un’impresa camuna per la fornitura del cavo necessario per un simile progetto (12mila euro di preventivo).

adIl parere preliminare negativo è giunto dal Parco dell’Adamello in quanto ‘le lavorazioni preparatorie all’installazione dell’opera e l’opera stessa – nonostante il ridotto arco temporale previsto – possono potenzialmente arrecare disturbo alla fauna selvatica, in particolare a Aquila reale, allo Stambecco ed alla Pernice bianca, data la presenza di habitat vocati e intensamente frequentati da dette specie; l’utilizzo dei mezzi di trasporti (elicotteri) ed il personale necessario alla realizzazione dell’intervento comporteranno una sicura alterazione della tranquillità dei luoghi con produzione di rumori, scarichi di residui della combustione di carburante, suoni e luci incompatibili con il sito Natura 2000 e col Parco Naturale; l’esposizione mediatica dell’opera comporterà un abnorme e non sostenibile afflusso di visitatori – data la fragilità e la logistica dei luoghi – la cui portata e i cui effetti potrebbero comportare gravi ripercussioni per gli ecosistemi presenti e per le specie sia animali sia vegetali tutelate dalle vigenti normative’.

edolo-3IL COMITATO
L’Associazione Impronta Camuna fa parte del comitato provinciale di coordinamento per le iniziative commemorative del Centenario della Grande Guerra 14/18. L’associazione ha nello statuto la caratteristica di essere apolitica e apartitica, ma di promuovere luoghi e genti camune. Con l’iniziativa del tricolore sull’Adamello si vuole ricordare, anticipando il quattro Novembre, la data della fine della guerra e della vittoria.

IL PROGETTO (clicca qui per i dettagli)
L’Associazione Impronta Camuna intende finanziare le celebrazioni con sponsor e finanziamenti privati, nonché donazioni dei materiali da utilizzare per l’issaggio della bandiera.

Prendendo spunto dalle teleferiche utilizzate durante il conflitto bellico, si è pensato di posare una teleferica che dalle Vedretta del Venerocolo sale a Cima Adamello adatta per issare la bandiera Tricolore…

Sulla cima e sulla vedretta dell’Adamello verranno realizzati due semplici ancoraggi a piastra metallica con un piccolo basamento di regolarizzazione in cemento armato delle dimensioni di circa 1 mq. Il basamento verrà rimosso al termine della manifestazione.

L’utilizzo del blondin per issaggio bandiera permetterà di ridurre al minimo gli interventi sul territorio. Impronta Camuna propone di posizionare un proiettore fotoelettrico mobile il quale, al termine della manifestazione, verrà donato ad enti competenti (Protezione civile o Soccorso alpino) che potranno utilizzare lo strumento in interventi notturni.

Al termine della manifestazione verranno rimosse carpenterie, eventuali basamenti e verranno sistemate tutte le aree interessate dall’intervento, eseguendo anche una pulizia finale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136