Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Ponte di Legno, serata storica: quando la Valle Camonica si ribellò a Napoleone

mercoledì, 5 agosto 2020

Ponte di Legno – La grande Storia protagonista in Alta Valle Camonica. Nell’ambito della rassegna “Una montagna di cultura…La cultura in montagna”, promossa dall’associazione Pontedilegno-Mirella Cultura con la collaborazione della Pro loco e della Biblioteca Civica Dalignese, sono stati rievocati a Ponte di Legno nella Sala Paradiso, i giorni del 1809 quando la popolazione dell’alta valle si oppose a Napoleone. A ripercorrerli è stato l’avvocato e storico Mauro Mario Berruti, autore del libro “La rivolta antifrancese del 1809 in alta Valcamonica“, edizione Quaderni della Biblioteca Civica. Berruti dopo un meticoloso lavoro sui documenti dell’epoca, tra cui le carte dei processi che seguirono alla rivolta, è riuscito a ricostruire con attendibilità storiografica cosa accadde esattamente in valle tra il 7 e l’11 maggio del 1809.

Serata - Napoleone - Ponte di LegnoSull’onda della rivoluzione francese, la Serenissima Repubblica Veneta aveva cessato il suo dominio nel 1797. Napoleone aveva imposto da una decina d’anni le sue nuove regole. Tra le altre, anche queste: la leva obbligatoria (che durava otto anni) e le tasse per tutti (prima le pagavano solo i “notabili”).

Come hanno spiegato anche gli storici Giancarlo Maculotti e Luca Giarelli, questi due elementi portarono alla ribellione le popolazioni del Tirolo (l’attuale Trentino) e della Alta Valcamonica. “Furono i medici ad organizzare la rivolta antifrancese – ha spiegato Berruti – ma fu una rivolta a mani nude, con due schioppi e quattro forconi”. Risultato, un esercito di duecento uomini, addestrati e ben armati, non ebbe difficoltà a reprimere una rivolta che vide in campo tra il Tonale e Edolo tra gli ottocento e i mille camuni, convinti di poter cacciare i francesi dalla valle. “Preziosissimo per il mio lavoro – ha precisato Berruti – è stato il diario dell’allora parroco di Pontedilegno, Gregorio Ambrosi. Abbraccia un periodo di ben 36 anni, dal 1774 al 1810. Lì sono annotati, meticolosamente, tutti i fatti che permettono di dare una definizione esatta di cosa fu la rivolta antifrancese del 1809″.

Una rivolta”effimera”, la definisce l’autore. Ma la sua rievocazione ha destato grande interesse nel pubblico.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136