Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Bolzano, rapinatore seriale arrestato dalla Polizia di Stato

martedì, 18 agosto 2020

Bolzano – Rapinatore seriale arrestato dalla Polizia di Stato di Bolzano: è l’autore di cinque rapine e due furti ai danni di anziani nel quartiere “Europa – Novacella” di Bolzano. In carcere è finito un cittadino macedone, che aveva colpito nell’arco di pochi giorni.

Nel pomeriggio di ieri nel centro di Bolzano, personale della Squadra Mobile della Questura di Bolzano ha arrestato il cittadino macedone D.R., di 40 anni, già residente a Bressanone (Bolzano), di fatto senza fissa dimora, in quanto destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per cinque rapine e due furti ai danni di persone anziane, tutti commessi nel quartiere “Europa – Novacella” di Bolzano, tra il 20 e il 28 luglio scorsi.

polizia bolzanoINCHIESTA - Le indagini svolte con la raccolta delle denunce sporte dalle vittime, il rintraccio di diversi testimoni, l’acquisizione delle immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza e diverse individuazioni fotografiche consentivano alla Procura della Repubblica di Bolzano di ottenere dal Gip del Tribunale di Bolzano la custodia cautelare in carcere del sospettato, in quanto gravemente indiziato dei seguenti reati:

rapina ai danni di un signore di 89 anni abitante in viale Europa, il quale, verso le ore 19 del 20 luglio scorso: il pensionato veniva seguito in ascensore fino davanti alla porta di casa e quindi spinto all’interno del proprio appartamento, dove veniva costretto a consegnare il proprio portafogli contenente 70 euro;

rapina commessa verso le ore 20 del 25 luglio scorso ai danni di un signore di 69 anni, al quale, mentre passeggiava in viale Europa, dopo essere stato bloccato alle spalle, veniva sottratto il portafogli contenente 200 euro;

furto con destrezza commesso verso le ore 8 del 25 luglio scorso, ai danni di una signora di 84 anni, mentre passeggiava in via Milano, alla quale veniva sottratto il portafogli contenente 50 euro;

rapina commessa verso le ore 16 del 26 luglio scorso in via Palermo, ai danni di un signore di 81 anni, il quale, dopo essere stato pedinato da un supermercato ubicato nella stessa via fino al suo condominio, veniva spintonato contro le porte dell’ascensore e quindi fatto vittima della sottrazione di 90 euro che aveva riposto nella tasca dei suoi pantaloni all’uscita dal supermercato stesso;

rapina e lesioni commesse verso le ore 18.45 del 27 luglio scorso, in viale Europa, ai danni di una signora di 84 anni, la quale, dopo essersi rifiutata di salire con il sospettato nell’ascensore del suo condominio, veniva spintonata e bloccata contro un muro e quindi fatta vittima della sottrazione di un borsellino contenente 50 euro, riportando una forte contusione con ematoma ad un gomito;

ulteriore rapina commessa il 27 luglio scorso verso le ore 22.30, in via Palermo, ai danni di un signore di 73 anni, al quale, dopo essere stato spinto contro dei bidoni delle immondizie mentre stava acquistando delle sigarette da un distributore automatico, veniva sottratto il portafogli contenente 10 euro;

furto con destrezza commesso verso le ore 15.30 del 28 luglio scorso, in via Duca d’Aosta, ai danni di un signore di 82 anni, al quale veniva sottratto il portafogli contenente 250 euro appena prelevati da uno sportello bancomat.

FOGLIO DI VIA - Al termine degli atti di rito l’arrestato, già gravato da diverse condanne per reati della stessa specie, veniva associato alla Casa circondariale di Bolzano. Nei confronti del cittadino macedone la Questura valuterà anche la possibilità di un nuovo rimpatrio verso la Macedonia, Stato verso il quale era stato già espulso nel corso del 2010.

La Polizia di Stato arresta un cittadino ghanese autore di una rapina nel centro di Bolzano

Nel primo pomeriggio odierno, al termine di un rocambolesco inseguimento, gli uomini della Squadra Volante della Questura di Bolzano hanno arrestato un 35enne ghanese, che aveva poco prima compiuto una rapina ai danni di un negozio del centro cittadino.

Il cittadino straniero, dopo aver osservato diversi articoli in esposizione all’interno dell’esercizio commerciale, si era impossessato di una confezione contenente un telefono cellulare, minacciando una commessa con un grosso coltello da cucina ed era fuggito in direzione di Piazza Verdi. Alcuni dei clienti presenti, notata la scena, si sono posti all’inseguimento del rapinatore che si è diretto verso Ponte Loreto, imboccando la pista ciclabile.

Due equipaggi della Squadra Volante, allertati dalla Centrale Operativa, si sono precipitati sui due punti di accesso della ciclabile stessa, per bloccare le vie di fuga. Una delle pantere, in particolare, ha seguito il fuggitivo lungo l’argine del fiume, per evitare che si immergesse nelle acque. Vistosi circondato, l’uomo ha minacciato i poliziotti con il coltello, lanciandosi contro chiunque tentasse di avvicinarsi.

Va sottolineato che in questa fase è intervenuto anche un ragazzo di nazionalità gambiana, che ha aiutato gli operatori a tenere a distanza i curiosi e soprattutto a bloccare il rapinatore, che è stato così ammanettato e tratto in arresto.

Considerato che nella serata di ieri un uomo corrispondente alle sue caratteristiche fisiche aveva compiuto, sempre a Bolzano, una rapina ai danni di una tabaccheria con l’utilizzo di un coltello da cucina, gli operatori si sono portati presso l’abitazione del cittadino ghanese, dove hanno posto in essere una perquisizione e sequestrato gli indumenti che lo stesso indossava il giorno precedente.

La Squadra Mobile ha quindi effettuato un’immediata individuazione fotografica, nel corso della quale l’arrestato è stato riconosciuto senza alcun dubbio come l’autore della rapina del giorno precedente ai danni del tabacchino.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136