Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Due rapine, estorsione e furto in poche ore, minorenne arrestato dalla Polizia di Bolzano

venerdì, 19 giugno 2020

Bolzano – In poche ore ha commesso due rapine, un furto ed un’estorsione, minorenne arrestato dalla Polizia del capoluogo altoatesino.

questura polizia bolzanoAl termine di una nottata decisamente fuori dall’ordinario, gli uomini della Squadra Volante della Questura di Bolzano hanno arrestato un minorenne che, in poche ore, ha compiuto due rapine, un furto ed un’estorsione.

Il primo episodio è avvenuto poco dopo la mezzanotte, quando un giovane ha denunciato al “112 NUE” di essere stato rapinato da un ragazzo che conosceva di vista e che lo aveva avvicinato con la scusa di una sigaretta mentre stava chiacchierando con un amico. Alla successiva richiesta di denaro, il ragazzo ha risposto negativamente, mostrando il portafogli vuoto. Il minorenne di cui si parla, per tutta risposta, ha tentato di strappargli lo zaino che portava a tracolla, intimandogli di mollare la presa se non voleva essere colpito con un coltello a scatto che nel frattempo aveva estratto da una tasca. Non contento del bottino, prima di allontanarsi il rapinatore in erba si è impossessato anche di un ombrello che l’amico della vittima aveva appoggiato nelle vicinanze.

Qualche ora più tardi, lo stesso ragazzino si è reso protagonista di una rapina e di un’estorsione ai danni di alcuni giovani che stavano tranquillamente fumando una sigaretta davanti ad un locale ormai chiuso.

l terribile minorenne si è avvicinato ad uno di loro, chiedendogli dei soldi con fare estremamente minaccioso ed agitato. Poiché il ragazzo non aveva denaro con sé, ha iniziato a “perquisirlo”, infilandogli le mani nelle tasche e sottraendogli le chiavi di casa. Non contento, ha proseguito nella ricerca di denaro, rovistando nelle tasche degli altri giovani presenti, svuotando il portafogli di uno dei malcapitati, senza trovare denaro ed impossessandosi comunque di un cellulare e di un paio di cuffiette “bluetooth”. Ha tentato anche di strappare una collanina d’oro dal collo di un ragazzo, senza riuscirvi per la sua pronta reazione.

Poiché il baby rapinatore pretendeva del denaro per restituire il maltolto, una ragazza, che in precedenza era stata malamente apostrofata e minacciata di violenze di natura sessuale, seppur terrorizzata, si è offerta di effettuare un prelevamento da un vicino bancomat, nella speranza che il loro persecutore li lasciasse in pace e restituisse quanto rubato. Il minorenne, mostrando una spiccata capacità intimidatrice, ha preteso che la ragazza si portasse da sola con lui presso il bancomat, ordinando agli amici di rimanere fermi dove si trovavano. Giunti allo sportello, dopo che la vittima aveva introdotto la tessera e digitato il PIN, ha prelevato direttamente la somma di 50 euro e l’ha intascata. Nel frattempo, gli amici, rimasti in attesa, hanno approfittato di questo attimo di distrazione e sono riusciti a recuperare un cellulare con il quale hanno allertato il “112 NUE” senza farsi notare.

Una volta in possesso del denaro estorto alla sua vittima, il reo minorenne ha restituito parte del “bottino” agli altri malcapitati, tenendosi comunque le cuffiette bluetooth.

Mentre cercava di allontanarsi indisturbato, notata la Volante della Polizia, che, pochi istanti dopo la chiamata, era sopraggiunta velocemente, si è dato alla fuga, saltando all’interno del balconcino di una vicina abitazione. Qui però è stato però prontamente raggiunto dai poliziotti, che lo hanno arrestato in flagranza di reato, avendolo trovato in possesso del denaro e delle cuffiette frutto della rapina e dell’estorsione ai danni dei ragazzi.

Poche ore dopo, il GIP presso il Tribunale per i minorenni, in considerazione della pericolosità del soggetto, che nonostante la giovane età ha già un curriculum criminale di tutto rispetto, ha convalidato l’arresto e ne ha disposto la custodia cautelare nel più vicino carcere minorile.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136