Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Trento: gli autonomisti del PATT ricordano Gino Lucchini

giovedì, 13 febbraio 2020

Trento – Il PATT ricorda Gino Lucchini. già vice presidente dell’Associazione Pescatori di Storo e membro del Calciochiese. Da diversi mesi a questa parte Gino Domenico Lucchini non stava bene e all’ospedale “Madonna del Carmine” di Rovereto, se n’è andato per sempre. Aveva 72 anni, lascia la moglie Irene e i figli Giacomo e Francesco.

Abbiamo appreso con grande dolore la notizia della prematura scomparsa di Gino Domenico Lucchini: da sempre autonomista appassionato e convinto, ma anche generoso ed instancabile sostenitore della sua comunità a cui era particolarmente legato. Lo ricordiamo per la sua preziosa testimonianza di uomo dalle convinzioni profonde, fedele ai propri ideali, legato alla propria terra e alla propria gente fino all’ultimo dei suoi giorni. Va inserito a pieno titolo nell’elenco dei veri autonomisti, in quel gruppo di idealisti che non perdevano mai la speranza anche nei momenti di maggiore difficoltà: saldi nell’idealità, forti e determinati nell’impegno, disponibili a lavorare anche “dietro le quinte” con quella modestia che, unita ad un forte senso della realtà e del dovere, ha caratterizzato anche Gino lungo l’intero arco della sua vita. Possiamo ben dire che nella sua storia c’è anche la storia del nostro partito: fondata sulla convinzione che nella tradizione di autogoverno sta l’espressione più vera del nostro popolo.

Fece dell’autonomismo la sua bandiera durante tutta la sua vita, impegnandosi nel nostro partito soprattutto a livello locale, non tirandosi mai indietro anche di fronte alle responsabilità amministrative, assumendo l’incarico di assessore comunale in una stagione politica non facile e candidandosi anche alle ultime elezioni.

Ma lo ricordiamo anche per il suo appassionato impegno nel volontariato, come vicepresidente dell’Associazione Pescatori Storo, sostenitore del Calciochiese, nell’associazionismo venatorio, nell’organizzazione del Carnevale. La chiesa e la piazza di Storo stracolme di amici per l’ultimo saluto e le parole di affetto e di sincera riconoscenza pronunciate con una voce rotta dalla commozione costituiscono un’eloquente dimostrazione di quanto l’operato di Gino fosse riconosciuto e apprezzato da tutti.

Alla moglie Irene e ai figli Giacomo e Francesco va in questo momento l’abbraccio forte e riconoscente di tutti gli autonomisti che oggi ne raccolgono l’eredità politica. Siamo certi che il dolore del distacco, oggi incolmabile per tutti, con il tempo si trasformerà nel dolce ricordo di un marito, di un padre, di un amico che ha speso tutta la sua vita per la famiglia e per la sua comunità“, dichiarano il presidente del Partito Autonomista Trentino Tirolese, Franco Panizza, il segretario politico del Partito Autonomista Trentino Tirolese, Simone Marchiori, e il Coordinatore delle Giudicarie Daniele Bertolini.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136