Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Università di Verona e Trento, i primi laureati “magistrali” in Sport di montagna

lunedì, 20 luglio 2020

Rovereto - Con la mascherina e nel rispetto del distanziamento fisico, si è tenuta la prima sessione di laurea del corso magistrale interateneo in Scienze dello sport e della prestazione fisica – curriculum Sport di montagna – attivato congiuntamente dalle università di Verona e di Trento. Foto ©Trentino Sviluppo (credits: Florio Badocchi).

laureatiLa “squadra” dei primi laureati e delle prime laureate magistrali è composta da Michele Bais, Stefania Briccio, Arianna Dezulian, Flaminia Franchetti Pardo e Martina Palumbo. Michele Bais si è occupato di “Effetto di 3 sessioni di allenamento al caldo sulla performance di endurance” (relatrici: Barbara Pellegrini e Alexa Callovini Alexa, controrelatore Aldo Savoldelli).

Stefania Briccio ha curato invece “Uno studio longitudinale sulla coordinazione motoria in un campione di bambini italiani e di altre etnie” (relatrici: Valentina Biino e Chiara Milanese, controrelatrice Barbara Pellegrini). Arianna Dezulian ha condotto un’”Analisi del modello prestativo nelle diverse discipline dello sci alpinismo: case report delle competizioni del campione del mondo U23 Davide Magnini” (relatori: Aldo Savoldelli e Barbara Pellegrini, controrelatrice Chiara Zoppirolli).

“L’equilibrio nello sci alpino: effetto del contesto specifico” è stato l’argomento scelto da Flaminia Franchetti Pardo (relatori: Federico Schena e Alfredo Brighenti e controrelatrice Valentina Biino). Martina Palumbo, infine, si è concentrata su “Physio-metabolic aspects in athlets and sedentary people over-65, during leg and arm cycling exercises” (relatrici: Chiara Zoppirolli e Barbara Pellegrini, controrelatore Federico Schena). Con la commissione di laurea presieduta da Federico Schena, presidente del corso e delegato alla didattica dell’ateneo di Verona, erano presenti per l’università di Trento Paola Iamiceli e Paolo Bouquet, rispettivamente delegata alla didattica e delegato allo sport, insieme ai rappresentanti degli enti che hanno favorito la nascita del nuovo corso di studi: Provincia autonoma di Trento, Comune di Rovereto, Trentino Sviluppo, Coni Provinciale di Trento, Federazione italiana sport invernali, Liceo Rosmini di Rovereto.

Promosso nell’ottobre 2018 dagli atenei di Verona e Trento con la collaborazione del Centro di ricerca Sport montagna e salute (Cerism) dell’università scaligera, il corso è un percorso formativo unico in Italia. A renderlo innovativo è la specializzazione nelle attività sportive di montagna e outdoor. Mettendo in connessione formazione, ricerca e relazioni internazionali, il corso approfondisce gli ambiti dell’organizzazione e della tecnologia in cui lo sport diventa volano di innovazione e sviluppo del territorio.

Laureandi e laureande hanno tagliato il traguardo finale del corso di studi nei tempi previsti nonostante le difficoltà dettate negli ultimi mesi dal Covid-19. Emergenza che, grazie alla disponibilità del personale docente è stata gestita adeguatamente e non ha rallentato l’iter accademico.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136