Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Trento: nuovi bandi PSR per giovani agricoltori, interrogazione del PATT

mercoledì, 18 novembre 2020

Trento – Nuovi bandi PSR per giovani agricoltori, il PATT chiede alla Giunta provinciale “Quanto dovranno attendere ancora?”.

“Il desolante quadro finanziario presentato dalla Giunta alla Prima Commissione – scrivono i consiglieri provinciali PATT, Michele Dallapiccola, Paola Demagri e Ugo Rossi – ha travolto anche i capitoli riguardanti il comparto agricolo. Ha deluso, il “minimo sindacale” che si è cercato di rabberciare. Le imprese agricole specie quelle in fieri sono rimaste ancora una volta a bocca asciutta.

A questa attenzione ai giovani – solo enunciata – oppugniamo con un’interrogazione proponendo di attivare bandi PSR a partire dalle esigenze maggiormente sentite in questo momento”.

alpeggio agricoltura mucche

IL TESTO DELL’INTERROGAZIONE
In questi giorni, la Camera di Commercio di Trento ha divulgato uno studio molto interessante che certifica il numero di imprese condotte da giovani in agricoltura. Negli ultimi cinque anni, in Trentino è in controtendenza non solo con il livello nazionale ma anche rispetto ad aziende giovanili di altri settori.

Oltre al definire una maggiore vivacità di impresa questa notizia è da accogliere con favore in funzione del fatto che le aziende giovanili mostrano maggiore propensione alla tutela ambientale, all’utilizzo del web e del commercio elettronico dei propri prodotti: manna per il mercato al tempo del Covid. Inoltre operano con una spiccata attenzione alla qualità del prodotto.

Nei corrispondenti anni alla ricerca in premessa, con particolare impegno finanziario, la Provincia ha tenuto attiva la misura 6.1.1 PSR – insediamento giovani

Una misura rispetto alla quale è stata data soddisfazione alla pressoché totale quantità di domande pervenute. Con rammarico si è dovuto constatare che il 2020 è stato caratterizzato dall’assenza di bandi di questo tipo né si avverte nelle intenzioni dell’assessorato vi sia un impegno ad attivarsi nel più breve tempo possibile per un nuovo bando.

Piuttosto, vengono costantemente evidenziati gli oggettivi ed in parte condivisibili difetti del vecchio sistema. Sappiamo che il Tavolo di ascolto dei giovani ha attivato delle proposte alternative. Della loro possibilità di tempistica e di realizzazione, almeno fino ad ora non si ha nessuna contezza. Il risultato è che né con né senza difetti, si sono viste finora, risposte amministrative alternative.

Sempre più concreto il timore che ostinandosi a promuovere un bisogno di cambiamento, si eviti di attivare, almeno in tempi brevi, anche una sol minima proposta diversa. I giovani agricoltori attendono risposte dall’attivazione dei Bandi al loro dedicati. I giovani agricoltori sono stati lasciati alla mercè della crisi da Covid e delle naturali difficoltà che in Trentino si incontrano ad avviare un’attività agricola. La più evidente, la carenza di nuovi terreni agricoli da valorizzare.

La misura “Bonifiche”, a tal proposito, si presenterebbe come strumento ideale. Nonostante le numerose proposte e sollecitazioni è stata pedissequamente ignorata. Anche questo secondo elemento di preoccupazione per il comparto agricolo spinge i sottoscritti consiglieri a stimolare risposte al mondo agricolo da parte della giunta provinciale.

Per questo abbiamo voluto interrogare la giunta provinciale:

per sapere se vi sia intenzione di aprire entro il più breve tempo possibile i bandi PSR per Misure 6.1.1 “insediamento giovani” e 4.3.4 “Bonifiche”“, chiedono i consiglieri provinciali PATT, Michele Dallapiccola, Paola Demagri e Ugo Rossi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136