Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Assegno unico: Cgil, Cisl e Uil bocciano le scelte della Giunta provinciale trentina

martedì, 7 luglio 2020

Trento – “Assegno unico. Nessuno sforzo reale per sostenere le famiglie a rischio povertà”. Giudizio secco di Cgil Cisl Uil che bocciano le modifiche della Giunta provinciale di Trento: “Hanno solo spostato risorse, ma non hanno investito un euro in più per chi è in difficoltà a causa della crisi sanitaria ed economica”.

“Con l’adeguamento dell’assegno unico, quota A, deliberato oggi in quarta Commissione la giunta provinciale compie una mera operazione di maquillage, senza incidere sullo strumento a vantaggio delle tante famiglie che a causa della crisi economica rischiano di scivolare in condizioni”. Cgil Cisl Uil bocciano le novità sull’attualizzazione introdotte dall’esecutivo Fugatti perché le piccole modifiche, di fatto, non centrano il principale obiettivo che deve essere quello di ampliare la platea, che i nuclei oggi in crisi scivolano in una situazione di differenze classificate. “Abbiamo chiesto interventi straordinari, ma temporanei per andare incontro ai maggiori bisogni – incalzano i tre segretari generali Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti -. Le nostre proposte non sono state prese in considerazione”.

Molto grave, secondo i sindacati, è anche il fatto che per sostenere le persone in condizioni di bisogno la giunta non abbia stanziato un euro in più. “Sono limitato al gioco delle tre carte – denunciano le tre confederazioni – usando 13 milioni di euro di stanziamenti straordinari per utilizzare una misura ordinaria e che andava finanziata con risorse ordinarie. Così si sprecano risorse e non si danno danno risposte ad una situazione contingente di emergenza. Preoccupa infine il fatto che il provvedimento sembra essere stato integrato sull’improvvisazione: Piazza Dante, come è evidentemente stamane nella Commissione, non ha idea del tiraggio reale delle modifiche, né quindi di quanti nuclei familiari ne servono concretamente integrati. Insomma si tratta di un’occasione persa”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136