Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Sondalo, documento degli operatori economici sull’ospedale Morelli

lunedì, 7 settembre 2020

Sondalo – Il tema della sanità e dell’ospedale Morelli di Sondalo (Sondrio) è al centro del confronto: le realtà turistiche-ricettive, le Apt di tutto il comprensorio, unitamente alle associazioni di categoria ed economiche dell’Alta Valtellina hanno deciso di sostenere ufficialmente il lavoro dei sei sindaci e del Comitato

In un documento le diverse associazioni ribadiscono che “la situazione di forte depotenziamento che sta interessando il Morelli in questo periodo sta creando molta preoccupazione tra gli abitanti, gli operatori turistici e commerciali e anche tra i turisti che frequentano l’alta Valtellina. I numeri parlano chiaro: la popolazione dell’alta Valtellina comprende oltre 25 mila residenti stabili cui si aggiungono oltre due milioni e mezzo di presenze turistiche durante tutto l’arco dell’anno. Chiaramente il bacino di persone che potrebbero aver bisogno di assistenza sanitaria, in tutta la provincia, non può essere gestito esclusivamente da un unico ospedale, quello di Sondrio, che, ricordiamo, si trova a oltre 60 chilometri da Bormio e, addirittura, a 100 da Livigno, con le oggettive difficoltà di percorrenza delle strade di montagna durante tutto l’anno e in particolare nel periodo invernale”.

ospedale casa stanzeLe associazioni e gli operatori turistici ricordano che “Bormio, Valdidentro e Livigno saranno sede di gare olimpiche e paraolimpiche nel 2026, Olimpiadi fortemente volute da Regione Lombardia. Tra i requisiti richiesti per poter ospitare i Giochi, c’è ovviamente la presenza di un presidio sanitario di alto livello in prossimità”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136