Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Rovereto: Vittorio Sgarbi all’attacco dopo l’espulsione dalla Camera

venerdì, 26 giugno 2020

Rovereto – Il deputato Vittorio Sgarbi, presidente del Mart di Rovereto (Trento), va all’attacco dopo le vicende accadute ieri alla Camera. Oggi Vittorio Sgarbi è tornato sull’argomento e ha annunciato che porterà in tribunale il vice presidente della Camera Mara Carfagna e la collega di Forza Italia Giusi Bartolozzi.

VIDEO

“Vista la grave diffamazione consumata ai miei danni con accuse false – ha detto Vittorio Sgarbi (nel video) - dovranno portare le prove in un tribunale, il solo luogo in cui si potrà parlare liberamente di ciò che ho detto, visto che il Parlamento è diventato un luogo di censura e di restrizioni”.

Il deputato e critico d’arte nega dunque di aver pronunciato gli insulti che hanno determinato la sua espulsione dall’aula della Camera. “Le sole parole ‘irripetibili’ che ho pronunciato all’indirizzo delle due ‘indignate di comodo’ sono: ‘ridicola’ alla Bartolozzi e ‘fascista’ alla Carfagna. Parole perfettamente aderenti ai loro comportamenti”, affonda Sgarbi. “Quanto alla Bartolozzi, ex magistrato, le ho anche evocato il nome di ‘Berlusconi’, solo per ricordarle che si trova in Parlamento proprio grazie alla generosità di Silvio Berlusconi, l’uomo più perseguitato d’Italia da certa magistratura – aggiunge il deputato -. Quella magistratura che io ho denunciato nel mio discorso alla Camera e che lei ha ciecamente difeso, come se lo scandalo delle chat di Palamara fosse una invenzione. Tra l’altro io a quei magistrati del caso Palamara ho fatto riferimento, e non genericamente alla categoria dei magistrati”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136