Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Pronto Soccorso: i numeri dell’attività a Sondrio, Sondalo, Morbegno, Chiavenna e Livigno

mercoledì, 2 settembre 2020

Livigno - A pochi mesi dalla conclusione dell’emergenza sanitaria, i numeri degli accessi ai Pronto Soccorso e ai Punti di primo intervento di Valtellina e Valchiavenna attestano un ritorno alla normalità ormai compiuto: nel mese di agosto sono stati poco più di 6000 complessivamente, appena sotto la media mensile di 6200 registrata nel 2019 e sui livelli degli anni precedenti. Sono addirittura sopra la media Sondalo e Livigno. ospedale casa stanzeUna piena operatività che coinvolge Sondrio, Sondalo, Morbegno, Chiavenna e Livigno: dai meno di 2000 accessi, il punto più basso, del mese di aprile si è risaliti prima a 3000 per superare quota 6000 ad agosto, con un aumento costante.

Nello specifico, durante il mese di agosto, a Sondrio gli utenti che si sono rivolti al Pronto Soccorso o che sono stati trasportati dai mezzi di soccorso, sono stati circa 2800, rispettivamente 500 e 300 in più rispetto a giugno e luglio. Di questi i casi gravi, classificati in codice rosso, erano 150, 13 in più del mese precedente, 649 i gialli, ovvero i casi mediamente critici, 1737 i verdi, quelli senza rischi, e 240 i bianchi, i non urgenti. Per quanto riguarda Sondalo, a fronte di un totale di quasi 1300 accessi, esattamente il doppio rispetto a giugno, il 30% in più su luglio, i codici rossi erano 65, 15 in più di luglio, i gialli 234, i verdi quasi 900 e i bianchi 76. Si mantengono sui livelli di luglio gli accessi ai Punti di primo intervento di Morbegno, circa 900 in agosto, di Chiavenna, poco meno di 700, e di Livigno, quasi 500.

Nel mese di agosto, ogni giorno i Pronto Soccorso e i Punti di primo intervento hanno ricevuto e curato  in media circa 200 pazienti, di cui circa la metà, 90, a Sondrio, 40 a Sondalo, 28 a Morbegno, 21 a Chiavenna e 15 a Livigno. A luglio la media giornaliera era stata di 178, di cui 80 a Sondrio e una trentina a Sondalo, con il Morelli che ha visto aumentare notevolmente gli accessi, addirittura del 30%. Una crescita progressiva se si considera che la media giornaliera al 4 agosto era di 36, salita ulteriormente nel corso del mese.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136