Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Pozzolengo, nessun contagio nella comunità di recupero Lautari

lunedì, 4 maggio 2020

Pozzolengo – All’interno della comunità di recupero Lautari grazie alla “clausura anti-covid” non c’è alcun contagio. Due mesi di completo isolamento dal mondo esterno ha evitato contagi tra i giovani impegnati nel recupero della loro vita e gli stessi dipendenti.

lautari bonomelliLautari, fondata nel 1992, è una Comunità terapeutica ad orientamento pedagogico riabilitativo, specializzata nella disintossicazione e riabilitazione delle persone con problemi di dipendenza. “E’ una struttura completamente gratuita per gli utenti, che riesce ad autogestirsi grazie alle attività di lavoro svolte all’interno delle nostre Cooperative e alle donazioni dei privati - ha spiegato Andrea Bonomelli (nella foto)  presidente della Lautari -. Non è prevista alcuna compartecipazione alle spese né da parte delle famiglie né dal Sistema Sanitario Nazionale. Obiettivo è la completa riabilitazione della persona e l’acquisizione di un nuovo stile di vita fondato sui valori di autonomia, responsabilità, tolleranza, partecipazione, solidarietà, fiducia e autostima, affinché possa reinserirsi in maniera adeguata e consapevole nel tessuto sociale, familiare e lavorativo”.

Infatti all’interno del programma è previsto l’impiego di attività lavorative, a carattere prevalentemente artigianale, attraverso le quali gli utenti sono accompagnati a sviluppare maturità, professionalità, autonomia, senso di responsabilità e capacità di realizzazione. In quasi 30 anni Comunità Lautari ha aiutato migliaia di persone a ritrovare la voglia di vivere in modo sano e libero, senza chiedere alcun aiuto economico.

“Da sempre il nostro interesse prioritario è tutelare i nostri ospiti e la loro salute – ha commentato Bonomelli -. Fin dalla fine di febbraio 2020, quando ancora non erano state adottate specifiche restrizioni a livello nazionale, gli operatori si erano imposti alcune buone prassi: riduzione dei contatti con il mondo esterno alla Comunità, uscite da casa solo per esigenze di vita come la spesa, di lavoro e di salute. Per questo si è deciso per la sospensione di tutte le attività delle Cooperative di lavoro come: falegnameria, cantiere edile, scuderia, attività vitivinicola, officina, eventi, attività di prevenzione e informazione che garantivano la sussistenza del fabbisogno della struttura e chiusura totale della Comunità agli esterni tre cui familiari, collaboratori e nuovi ingressi”. Una chiusura totale delle sedi di Bedizzole, Pozzolengo, Como, Pordenone, Firenze e Roma. “Abbiamo organizzato la turnazione degli operatori, smart working laddove possibile, presenza oraria ridotta ma garantita in casi di urgenza e necessità e sanificazione approfondita degli ambienti di lavoro - ha rimarcato il presidente Bonomelli -. Parallelamente, al fine di garantire i servizi minimi essenziali (vitto e alloggio), è stato chiesto un aiuto economico alle famiglie, per la prima volta nella storia della Comunità. Da 2 mesi, la Comunità non ha entrate, se non quelle derivanti dall’aiuto di famigliari, amici, Associazioni, Parrocchie che, per quanto apprezzabili e gradite, non sono sufficienti a mantenere i costi di tutta la struttura”.

Da qui l’organizzazione di diverse iniziative solidali, come la vendita a domicilio di spiedo fatto dai giovani del Lautari (trecento porzioni vendute in tre giorni dal primo Maggio). “Ma ora con la riapertura paradossalmente abbiamo paura - ha concluso Bonomelli -. Per due mesi abbiamo evitato il virus, ma la fase due permetterà di ampliare i contatti esterni. La comunità dovrà riaprire gradualmente le sue porte anche per sopravvivere e garantire il giusto sostegno ai suoi ospiti”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136