Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Ponte di Legno, Cultura Politica: 61 giovani a scuola

sabato, 12 settembre 2020

Ponte di Legno – Con il saluto del sindaco di Ponte di Legno, Ivan Faustinelli, si è aperta la prima edizione della Scuola di Cultura Politica, promossa dall’Associazione Pontedilegno-MirellaCultura che, per tre giorni (da oggi a lunedì 14 settembre), vede giovani di tutta Italia, provenienti da 14 regioni, ascoltare relazioni ed interventi – di persona o in videoconferenza, a porte chiuse – di esponenti della vita pubblica, confrontarsi con loro ma anche confrontarsi fra di loro. Sessantuno i partecipanti di età compresa fra i 19 ed i 36 anni, selezionati e ospitati a titolo gratuito fra tutti coloro che avevano fatto domanda di iscrizione.

andrea bulferetti mirellaIl prologo alla tre giorni di studio è stato venerdì sera con l’arrivo dei partecipanti, la cena di benvenuto e il saluto del presidente di MirellaCultura, Andrea Bulferetti, soddisfatto per vedere realizzato – con la collaborazione di Carlo Maria Pinardi e Giuliano Asperti – un progetto che aveva in mente da due anni, privo di qualsiasi connotazione partitica: “abbiamo bisogno di una nuova classe politica. Voler bene all’Italia – ha ribadito, rivolgendosi ai partecipanti – vuol dire fare politica per le persone e non per raggiungere semplicemente traguardi personali”.

Ha fatto seguito una performance di Andrea Bianconi, un artista le cui installazioni si trovano in varie parti del mondo. A Ponte di Legno ha portato quello che è uno dei suoi simboli, la poltrona “Sit down to have an idea”. Attorno ad essa, ai suoi significati si è sviluppato un dibattito che ha coinvolto molti dei giovani partecipanti.

La prima sessione si è aperta con l’intervento di Massimo Franco, editorialista del Corriere della Sera. Il programma prevede poi interventi di Marco Bentivogli, Emanuela Girardi, Giuliano Asperti, Corrado Passera, Giulia Pastorella, Pier Carlo Padoan, Stefano Firpo, Fabrizio Pagani, Carlo Stagnaro, Andrea Giuricin, Marco Buti, Valentina Canalini, Ferdinando Giugliano, Marco Cartasegna, Francesco Billari, Maurizio Tira, Ferruccio Resta, Antonio Noto, Davide Giacalone ed infine Carlo Cottarelli.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136