Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Lombardia, mozione HPV in Consiglio regionale per il sì al vaccino per le under-25

martedì, 1 dicembre 2020

Brescia – Sì alla vaccinazione anti HPV gratuita per le donne di 25 anni, approvata oggi in Consiglio regionale la mozione presentata dal Consigliere regionale e Vicepresidente della Commissione Sanità Simona Tironi.

Tironi - consigliere regionale - Forza Italia“Ancora oggi, il Papilloma virus – commenta Simona Tironi – è una tra le più frequenti infezioni trasmesse sessualmente ed è classificata come il secondo agente patogeno responsabile di cancro al mondo”. Solo in Europa, circa 67 mila donne ogni anno si ammalano di cancro alla cervice uterina causato dal papilloma virus, rendendolo la seconda causa più comune di decesso per cancro per donne di età tra i 15 e i 44 anni. In Italia sono circa 4500 i casi all’anno di infezioni croniche di ceppi oncogeni dell’HPV tra femmine e maschi e nel 2017 sono stati stimati 2300 casi di cancro alla cervice uterina. “Dopo un lavoro avviato qualche mese fa – continua la Vicepresidente Tironi – ho pensato di dare subito concretezza a livello regionale alla Strategia Globale per Accelerare l’Eliminazione del Cancro alla Cervice lanciata a metà novembre dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Prevedere l’implementazione, mediante l’offerta gratuita, della vaccinazione anti HPV per le donne al venticinquesimo anno di età in occasione del primo pap-test è un ottimo modo per farlo. Un importante intervento di prevenzione primaria che, in base all’anno di nascita, coinvolgerà una platea potenziale di oltre 40 mila venticinquenni lombarde all’anno. Un intervento opportuno dal punto di vista clinico e sostenibile dal punto di vista economico, che conferma peraltro l’attenzione di Regione Lombardia alle patologie ‘non Covid 19’. La mozione prevede inoltre interventi che coinvolgeranno i pediatri. Le due proposte confermano l’allineamento della Lombardia alle politiche più avanzate presenti nel nostro Paese e a livello internazionale”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136