Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Interventi della Provincia di Brescia su tre istituti di Breno e Darfo

giovedì, 18 giugno 2020

Breno – La Provincia di Brescia ha ottenuto dal Ministero alla Pubblica Istruzione un finanziamento complessivo di un milione e 830mila euro per interventi di messa insicurezza di 19 plessi scolastici, tra città, zone della Bassa, lago e valli. Tra questi un finanziamento di 280mila euro è stato assegnato all’Itcg “Olivelli”, Ipssar “Putelli” e liceo scientifico di Darfo, ripartiti nei tre plessi tra Breno e Darfo.

Graduatoria scuole Provincia BresciaGli interventi sono stati illustrati ieri pomeriggio dal consigliere delegato all’Istruzione della Provincia di Brescia, Filippo Ferrari, e dal dirigente del Broletto, Gian Maria Mazzoli. “I nostri progetti – ha spiegato Filippo Ferrari – ha ottenuto un contributo massimo su quasi tutti i progetti presentati e le risorse destinate alla manutenzione straordinaria per la sicurezza e la prevenzione, ad esempio sostituzione di impianti e porte di 19 plessi scolastici”. Il dirigente Gian Maria Mazzoli ha evidenziato che nella graduatoria nazionale, nei primi 28 progetti, 14 sono della Provincia di Brescia: “Questo – ha detto Mazzoli – è un riconoscimento al lavoro svolto dall’ente negli scorsi mesi”. I 19 progetti sono stati presentati il 21 febbraio scorso e tutti sono stati inseriti nella graduatoria del Ministero.

Come indicato dal consigliere delegato della Provincia di Brescia si tratta di un primo intervento sugli istituti superiori del Bresciano che conta 130 i plessi scolastici con 58 indirizzi e poco più di 58mila studenti. “Quest’anno - ha proseguito Ferrari – sulle scuole superiori effettueremo una serie di opere, per complessivi 10 milioni di euro”. Non manca uno sguardo a settembre alla riapertura delle scuole: l’ipotesi di lavoro è di riaprire – anche per problemi di trasporto – con metà classi e gli altri con didattica a distanza. Per arrivare pronti alla riapertura sarà potenziata la fibra, soprattutto negli istituti delle valli e quelli più scoperti.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136